Main menu

Mostre

29/04/2017

Once upon a time. Le spose di Regina Schrecker alla Corte dei Gonzaga

17 marzo - 21 maggio 2017

a cura di Riccardo Maria Braglia

Once upon a time …

È così che iniziano tutte le favole del mondo. Una frase magica – “c’era una volta …” – che rimanda all’atmosfera incantata dell’infanzia, a quelle fiabe, tramandate di generazione in generazione, che ci insegnano a sognare e a vivere la vita con la forza della speranza, della gioia, della passione.
Rendere attuale la vita delle spose giunte alla corte dei Gonzaga spesso da luoghi lontani come altri Granducati o Principati di quell’Italia tanto frastagliata e spesso travagliata, è stata una sfida che ho raccolta con entusiasmo proprio per il desiderio di tramandare questa voglia di vivere, senza rinunciare ai sogni, come in una bellissima favola. Una sfida che mi ha portato a contrapporre due mondi e due stili di vita - il matrimonio combinato per creare vere e proprie alleanze politiche ed economiche da una parte, e il coup de foudre e la voglia spontanea di vivere insieme dall’altra - nella logica di un forte contrasto visivo, e nel tentativo di costruire un ponte ideale tra le culture di un passato prestigioso, un presente ambizioso e … un futuro tutto da inventare!
Il contesto decisamente suggestivo, quasi irreale, del Palazzo dei Gonzaga, icona consacrata del patrimonio artistico e architettonico italiano, spettatrice dei fasti smisurati di una delle più raffinate corti europee, ha costituito una fonte ispiratrice ed emozionale inesauribile, che spero di trasmettere anche ai visitatori attraverso l’intervento espositivo, basato sulle collezioni che ho realizzato durante la mia carriera.
La “Collezione Sposa”, ambientata nelle stupende stanze, sale e gallerie monumentali del Palazzo Ducale, si presta così a un percorso creativo che accompagna la storia del mio brand degli ultimi vent’anni. L’ho immaginato come un “gioco di prestigio”, capace di stimolare la curiosità e la profonda ammirazione verso quei capolavori che rendono magica l’atmosfera di un luogo che ha tanto da svelarci e da raccontare – come, appunto, un sogno, come una favola.

Regina Schrecker
Stilista

Dettagli
29/04/2017

Prendere Forma ("Gestalt")

Roberto Remi / Paola Pezzi

7 aprile - 4 giugno 2017

a cura di Peter Assmann e Renata Casarin

La mostra propone al pubblico l'opera di due artisti, Roberto Remi di Arezzo e Paola Pezzi di Milano, che con differenti linguaggi stilistici indagano la specificità dei mezzi espressivi dell'arte, senza poter distinguere fra specificità pittorica, plastica o letteraria-visiva, in una soluzione di continuità fattuale capace di mettere in gioco la sensibilità percettiva del fruitore, dando origine a un processo di identificazione con l'artefice attraverso l'opera stessa che assume la funzione di corpo estetico attivo.
Per queste ragioni possiamo parlare per entrambi gli artisti di un'attitudine alla Gestalt, che sortisce dalla volontà di sorvegliare il processo fattuale, vale a dire la messa in forma del lavoro creativo, che si mostra ai nostri occhi quale immagine flagrante, talora motore di straniamento, come accade per Roberto Remi, talora gioco ironico di materiali reinventati e rimodellati, come accade per Paola Pezzi.

Renata Casarin
Funzionario storico dell'arte
Vicedirettore Complesso Museale Palazzo Ducale Mantova

Dettagli
29/04/2017

Ecco il gran desco splende. Lo spettacolo del mangiare

La mostra clou di Palazzo Ducale per il 2017 è dedicata allo spettacolo e alle arti del banchetto rinascimentale nell’anno in cui Mantova – dopo i fasti di Capitale Italiana della Cultura – rientra con Bergamo, Brescia e Cremona nella nomina di Regione Gastronomica Europea 2017.

Con straordinari e suggestivi contributi, la mostra ricostruisce lo scenario sfarzoso della convivialità dei prìncipi nel corso di due secoli, dal Cinquecento al Settecento: i segreti del convito, la tavola imbandita, la teatralità degli arredi, le tovaglierie, i vasellami, i riti del sedersi e del conversare, le vesti e, le luci, la musica, la poesia e i colori. In un percorso di oltre cento preziose opere provenienti da mezza Europa, nell’atmosfera splendida e scenografica del banchetto emerge quanto fosse importante per i grandi del tempo affidare alla tavola, nelle sue molteplici interpretazioni, il messaggio della propria grandezza e magnificenza, della propria superiorità culturale. 

Dettagli
30/04/2017

Once upon a time. Le spose di Regina Schrecker alla Corte dei Gonzaga

17 marzo - 21 maggio 2017

a cura di Riccardo Maria Braglia

Once upon a time …

È così che iniziano tutte le favole del mondo. Una frase magica – “c’era una volta …” – che rimanda all’atmosfera incantata dell’infanzia, a quelle fiabe, tramandate di generazione in generazione, che ci insegnano a sognare e a vivere la vita con la forza della speranza, della gioia, della passione.
Rendere attuale la vita delle spose giunte alla corte dei Gonzaga spesso da luoghi lontani come altri Granducati o Principati di quell’Italia tanto frastagliata e spesso travagliata, è stata una sfida che ho raccolta con entusiasmo proprio per il desiderio di tramandare questa voglia di vivere, senza rinunciare ai sogni, come in una bellissima favola. Una sfida che mi ha portato a contrapporre due mondi e due stili di vita - il matrimonio combinato per creare vere e proprie alleanze politiche ed economiche da una parte, e il coup de foudre e la voglia spontanea di vivere insieme dall’altra - nella logica di un forte contrasto visivo, e nel tentativo di costruire un ponte ideale tra le culture di un passato prestigioso, un presente ambizioso e … un futuro tutto da inventare!
Il contesto decisamente suggestivo, quasi irreale, del Palazzo dei Gonzaga, icona consacrata del patrimonio artistico e architettonico italiano, spettatrice dei fasti smisurati di una delle più raffinate corti europee, ha costituito una fonte ispiratrice ed emozionale inesauribile, che spero di trasmettere anche ai visitatori attraverso l’intervento espositivo, basato sulle collezioni che ho realizzato durante la mia carriera.
La “Collezione Sposa”, ambientata nelle stupende stanze, sale e gallerie monumentali del Palazzo Ducale, si presta così a un percorso creativo che accompagna la storia del mio brand degli ultimi vent’anni. L’ho immaginato come un “gioco di prestigio”, capace di stimolare la curiosità e la profonda ammirazione verso quei capolavori che rendono magica l’atmosfera di un luogo che ha tanto da svelarci e da raccontare – come, appunto, un sogno, come una favola.

Regina Schrecker
Stilista

Dettagli
30/04/2017

Prendere Forma ("Gestalt")

Roberto Remi / Paola Pezzi

7 aprile - 4 giugno 2017

a cura di Peter Assmann e Renata Casarin

La mostra propone al pubblico l'opera di due artisti, Roberto Remi di Arezzo e Paola Pezzi di Milano, che con differenti linguaggi stilistici indagano la specificità dei mezzi espressivi dell'arte, senza poter distinguere fra specificità pittorica, plastica o letteraria-visiva, in una soluzione di continuità fattuale capace di mettere in gioco la sensibilità percettiva del fruitore, dando origine a un processo di identificazione con l'artefice attraverso l'opera stessa che assume la funzione di corpo estetico attivo.
Per queste ragioni possiamo parlare per entrambi gli artisti di un'attitudine alla Gestalt, che sortisce dalla volontà di sorvegliare il processo fattuale, vale a dire la messa in forma del lavoro creativo, che si mostra ai nostri occhi quale immagine flagrante, talora motore di straniamento, come accade per Roberto Remi, talora gioco ironico di materiali reinventati e rimodellati, come accade per Paola Pezzi.

Renata Casarin
Funzionario storico dell'arte
Vicedirettore Complesso Museale Palazzo Ducale Mantova

Dettagli
30/04/2017

Ecco il gran desco splende. Lo spettacolo del mangiare

La mostra clou di Palazzo Ducale per il 2017 è dedicata allo spettacolo e alle arti del banchetto rinascimentale nell’anno in cui Mantova – dopo i fasti di Capitale Italiana della Cultura – rientra con Bergamo, Brescia e Cremona nella nomina di Regione Gastronomica Europea 2017.

Con straordinari e suggestivi contributi, la mostra ricostruisce lo scenario sfarzoso della convivialità dei prìncipi nel corso di due secoli, dal Cinquecento al Settecento: i segreti del convito, la tavola imbandita, la teatralità degli arredi, le tovaglierie, i vasellami, i riti del sedersi e del conversare, le vesti e, le luci, la musica, la poesia e i colori. In un percorso di oltre cento preziose opere provenienti da mezza Europa, nell’atmosfera splendida e scenografica del banchetto emerge quanto fosse importante per i grandi del tempo affidare alla tavola, nelle sue molteplici interpretazioni, il messaggio della propria grandezza e magnificenza, della propria superiorità culturale. 

Dettagli
02/05/2017

Once upon a time. Le spose di Regina Schrecker alla Corte dei Gonzaga

17 marzo - 21 maggio 2017

a cura di Riccardo Maria Braglia

Once upon a time …

È così che iniziano tutte le favole del mondo. Una frase magica – “c’era una volta …” – che rimanda all’atmosfera incantata dell’infanzia, a quelle fiabe, tramandate di generazione in generazione, che ci insegnano a sognare e a vivere la vita con la forza della speranza, della gioia, della passione.
Rendere attuale la vita delle spose giunte alla corte dei Gonzaga spesso da luoghi lontani come altri Granducati o Principati di quell’Italia tanto frastagliata e spesso travagliata, è stata una sfida che ho raccolta con entusiasmo proprio per il desiderio di tramandare questa voglia di vivere, senza rinunciare ai sogni, come in una bellissima favola. Una sfida che mi ha portato a contrapporre due mondi e due stili di vita - il matrimonio combinato per creare vere e proprie alleanze politiche ed economiche da una parte, e il coup de foudre e la voglia spontanea di vivere insieme dall’altra - nella logica di un forte contrasto visivo, e nel tentativo di costruire un ponte ideale tra le culture di un passato prestigioso, un presente ambizioso e … un futuro tutto da inventare!
Il contesto decisamente suggestivo, quasi irreale, del Palazzo dei Gonzaga, icona consacrata del patrimonio artistico e architettonico italiano, spettatrice dei fasti smisurati di una delle più raffinate corti europee, ha costituito una fonte ispiratrice ed emozionale inesauribile, che spero di trasmettere anche ai visitatori attraverso l’intervento espositivo, basato sulle collezioni che ho realizzato durante la mia carriera.
La “Collezione Sposa”, ambientata nelle stupende stanze, sale e gallerie monumentali del Palazzo Ducale, si presta così a un percorso creativo che accompagna la storia del mio brand degli ultimi vent’anni. L’ho immaginato come un “gioco di prestigio”, capace di stimolare la curiosità e la profonda ammirazione verso quei capolavori che rendono magica l’atmosfera di un luogo che ha tanto da svelarci e da raccontare – come, appunto, un sogno, come una favola.

Regina Schrecker
Stilista

Dettagli
02/05/2017

Prendere Forma ("Gestalt")

Roberto Remi / Paola Pezzi

7 aprile - 4 giugno 2017

a cura di Peter Assmann e Renata Casarin

La mostra propone al pubblico l'opera di due artisti, Roberto Remi di Arezzo e Paola Pezzi di Milano, che con differenti linguaggi stilistici indagano la specificità dei mezzi espressivi dell'arte, senza poter distinguere fra specificità pittorica, plastica o letteraria-visiva, in una soluzione di continuità fattuale capace di mettere in gioco la sensibilità percettiva del fruitore, dando origine a un processo di identificazione con l'artefice attraverso l'opera stessa che assume la funzione di corpo estetico attivo.
Per queste ragioni possiamo parlare per entrambi gli artisti di un'attitudine alla Gestalt, che sortisce dalla volontà di sorvegliare il processo fattuale, vale a dire la messa in forma del lavoro creativo, che si mostra ai nostri occhi quale immagine flagrante, talora motore di straniamento, come accade per Roberto Remi, talora gioco ironico di materiali reinventati e rimodellati, come accade per Paola Pezzi.

Renata Casarin
Funzionario storico dell'arte
Vicedirettore Complesso Museale Palazzo Ducale Mantova

Dettagli
02/05/2017

Ecco il gran desco splende. Lo spettacolo del mangiare

La mostra clou di Palazzo Ducale per il 2017 è dedicata allo spettacolo e alle arti del banchetto rinascimentale nell’anno in cui Mantova – dopo i fasti di Capitale Italiana della Cultura – rientra con Bergamo, Brescia e Cremona nella nomina di Regione Gastronomica Europea 2017.

Con straordinari e suggestivi contributi, la mostra ricostruisce lo scenario sfarzoso della convivialità dei prìncipi nel corso di due secoli, dal Cinquecento al Settecento: i segreti del convito, la tavola imbandita, la teatralità degli arredi, le tovaglierie, i vasellami, i riti del sedersi e del conversare, le vesti e, le luci, la musica, la poesia e i colori. In un percorso di oltre cento preziose opere provenienti da mezza Europa, nell’atmosfera splendida e scenografica del banchetto emerge quanto fosse importante per i grandi del tempo affidare alla tavola, nelle sue molteplici interpretazioni, il messaggio della propria grandezza e magnificenza, della propria superiorità culturale. 

Dettagli
03/05/2017

Once upon a time. Le spose di Regina Schrecker alla Corte dei Gonzaga

17 marzo - 21 maggio 2017

a cura di Riccardo Maria Braglia

Once upon a time …

È così che iniziano tutte le favole del mondo. Una frase magica – “c’era una volta …” – che rimanda all’atmosfera incantata dell’infanzia, a quelle fiabe, tramandate di generazione in generazione, che ci insegnano a sognare e a vivere la vita con la forza della speranza, della gioia, della passione.
Rendere attuale la vita delle spose giunte alla corte dei Gonzaga spesso da luoghi lontani come altri Granducati o Principati di quell’Italia tanto frastagliata e spesso travagliata, è stata una sfida che ho raccolta con entusiasmo proprio per il desiderio di tramandare questa voglia di vivere, senza rinunciare ai sogni, come in una bellissima favola. Una sfida che mi ha portato a contrapporre due mondi e due stili di vita - il matrimonio combinato per creare vere e proprie alleanze politiche ed economiche da una parte, e il coup de foudre e la voglia spontanea di vivere insieme dall’altra - nella logica di un forte contrasto visivo, e nel tentativo di costruire un ponte ideale tra le culture di un passato prestigioso, un presente ambizioso e … un futuro tutto da inventare!
Il contesto decisamente suggestivo, quasi irreale, del Palazzo dei Gonzaga, icona consacrata del patrimonio artistico e architettonico italiano, spettatrice dei fasti smisurati di una delle più raffinate corti europee, ha costituito una fonte ispiratrice ed emozionale inesauribile, che spero di trasmettere anche ai visitatori attraverso l’intervento espositivo, basato sulle collezioni che ho realizzato durante la mia carriera.
La “Collezione Sposa”, ambientata nelle stupende stanze, sale e gallerie monumentali del Palazzo Ducale, si presta così a un percorso creativo che accompagna la storia del mio brand degli ultimi vent’anni. L’ho immaginato come un “gioco di prestigio”, capace di stimolare la curiosità e la profonda ammirazione verso quei capolavori che rendono magica l’atmosfera di un luogo che ha tanto da svelarci e da raccontare – come, appunto, un sogno, come una favola.

Regina Schrecker
Stilista

Dettagli
03/05/2017

Prendere Forma ("Gestalt")

Roberto Remi / Paola Pezzi

7 aprile - 4 giugno 2017

a cura di Peter Assmann e Renata Casarin

La mostra propone al pubblico l'opera di due artisti, Roberto Remi di Arezzo e Paola Pezzi di Milano, che con differenti linguaggi stilistici indagano la specificità dei mezzi espressivi dell'arte, senza poter distinguere fra specificità pittorica, plastica o letteraria-visiva, in una soluzione di continuità fattuale capace di mettere in gioco la sensibilità percettiva del fruitore, dando origine a un processo di identificazione con l'artefice attraverso l'opera stessa che assume la funzione di corpo estetico attivo.
Per queste ragioni possiamo parlare per entrambi gli artisti di un'attitudine alla Gestalt, che sortisce dalla volontà di sorvegliare il processo fattuale, vale a dire la messa in forma del lavoro creativo, che si mostra ai nostri occhi quale immagine flagrante, talora motore di straniamento, come accade per Roberto Remi, talora gioco ironico di materiali reinventati e rimodellati, come accade per Paola Pezzi.

Renata Casarin
Funzionario storico dell'arte
Vicedirettore Complesso Museale Palazzo Ducale Mantova

Dettagli
03/05/2017

Ecco il gran desco splende. Lo spettacolo del mangiare

La mostra clou di Palazzo Ducale per il 2017 è dedicata allo spettacolo e alle arti del banchetto rinascimentale nell’anno in cui Mantova – dopo i fasti di Capitale Italiana della Cultura – rientra con Bergamo, Brescia e Cremona nella nomina di Regione Gastronomica Europea 2017.

Con straordinari e suggestivi contributi, la mostra ricostruisce lo scenario sfarzoso della convivialità dei prìncipi nel corso di due secoli, dal Cinquecento al Settecento: i segreti del convito, la tavola imbandita, la teatralità degli arredi, le tovaglierie, i vasellami, i riti del sedersi e del conversare, le vesti e, le luci, la musica, la poesia e i colori. In un percorso di oltre cento preziose opere provenienti da mezza Europa, nell’atmosfera splendida e scenografica del banchetto emerge quanto fosse importante per i grandi del tempo affidare alla tavola, nelle sue molteplici interpretazioni, il messaggio della propria grandezza e magnificenza, della propria superiorità culturale. 

Dettagli
04/05/2017

Once upon a time. Le spose di Regina Schrecker alla Corte dei Gonzaga

17 marzo - 21 maggio 2017

a cura di Riccardo Maria Braglia

Once upon a time …

È così che iniziano tutte le favole del mondo. Una frase magica – “c’era una volta …” – che rimanda all’atmosfera incantata dell’infanzia, a quelle fiabe, tramandate di generazione in generazione, che ci insegnano a sognare e a vivere la vita con la forza della speranza, della gioia, della passione.
Rendere attuale la vita delle spose giunte alla corte dei Gonzaga spesso da luoghi lontani come altri Granducati o Principati di quell’Italia tanto frastagliata e spesso travagliata, è stata una sfida che ho raccolta con entusiasmo proprio per il desiderio di tramandare questa voglia di vivere, senza rinunciare ai sogni, come in una bellissima favola. Una sfida che mi ha portato a contrapporre due mondi e due stili di vita - il matrimonio combinato per creare vere e proprie alleanze politiche ed economiche da una parte, e il coup de foudre e la voglia spontanea di vivere insieme dall’altra - nella logica di un forte contrasto visivo, e nel tentativo di costruire un ponte ideale tra le culture di un passato prestigioso, un presente ambizioso e … un futuro tutto da inventare!
Il contesto decisamente suggestivo, quasi irreale, del Palazzo dei Gonzaga, icona consacrata del patrimonio artistico e architettonico italiano, spettatrice dei fasti smisurati di una delle più raffinate corti europee, ha costituito una fonte ispiratrice ed emozionale inesauribile, che spero di trasmettere anche ai visitatori attraverso l’intervento espositivo, basato sulle collezioni che ho realizzato durante la mia carriera.
La “Collezione Sposa”, ambientata nelle stupende stanze, sale e gallerie monumentali del Palazzo Ducale, si presta così a un percorso creativo che accompagna la storia del mio brand degli ultimi vent’anni. L’ho immaginato come un “gioco di prestigio”, capace di stimolare la curiosità e la profonda ammirazione verso quei capolavori che rendono magica l’atmosfera di un luogo che ha tanto da svelarci e da raccontare – come, appunto, un sogno, come una favola.

Regina Schrecker
Stilista

Dettagli
04/05/2017

Prendere Forma ("Gestalt")

Roberto Remi / Paola Pezzi

7 aprile - 4 giugno 2017

a cura di Peter Assmann e Renata Casarin

La mostra propone al pubblico l'opera di due artisti, Roberto Remi di Arezzo e Paola Pezzi di Milano, che con differenti linguaggi stilistici indagano la specificità dei mezzi espressivi dell'arte, senza poter distinguere fra specificità pittorica, plastica o letteraria-visiva, in una soluzione di continuità fattuale capace di mettere in gioco la sensibilità percettiva del fruitore, dando origine a un processo di identificazione con l'artefice attraverso l'opera stessa che assume la funzione di corpo estetico attivo.
Per queste ragioni possiamo parlare per entrambi gli artisti di un'attitudine alla Gestalt, che sortisce dalla volontà di sorvegliare il processo fattuale, vale a dire la messa in forma del lavoro creativo, che si mostra ai nostri occhi quale immagine flagrante, talora motore di straniamento, come accade per Roberto Remi, talora gioco ironico di materiali reinventati e rimodellati, come accade per Paola Pezzi.

Renata Casarin
Funzionario storico dell'arte
Vicedirettore Complesso Museale Palazzo Ducale Mantova

Dettagli
04/05/2017

Ecco il gran desco splende. Lo spettacolo del mangiare

La mostra clou di Palazzo Ducale per il 2017 è dedicata allo spettacolo e alle arti del banchetto rinascimentale nell’anno in cui Mantova – dopo i fasti di Capitale Italiana della Cultura – rientra con Bergamo, Brescia e Cremona nella nomina di Regione Gastronomica Europea 2017.

Con straordinari e suggestivi contributi, la mostra ricostruisce lo scenario sfarzoso della convivialità dei prìncipi nel corso di due secoli, dal Cinquecento al Settecento: i segreti del convito, la tavola imbandita, la teatralità degli arredi, le tovaglierie, i vasellami, i riti del sedersi e del conversare, le vesti e, le luci, la musica, la poesia e i colori. In un percorso di oltre cento preziose opere provenienti da mezza Europa, nell’atmosfera splendida e scenografica del banchetto emerge quanto fosse importante per i grandi del tempo affidare alla tavola, nelle sue molteplici interpretazioni, il messaggio della propria grandezza e magnificenza, della propria superiorità culturale. 

Dettagli
05/05/2017

Prendere Forma ("Gestalt")

Roberto Remi / Paola Pezzi

7 aprile - 4 giugno 2017

a cura di Peter Assmann e Renata Casarin

La mostra propone al pubblico l'opera di due artisti, Roberto Remi di Arezzo e Paola Pezzi di Milano, che con differenti linguaggi stilistici indagano la specificità dei mezzi espressivi dell'arte, senza poter distinguere fra specificità pittorica, plastica o letteraria-visiva, in una soluzione di continuità fattuale capace di mettere in gioco la sensibilità percettiva del fruitore, dando origine a un processo di identificazione con l'artefice attraverso l'opera stessa che assume la funzione di corpo estetico attivo.
Per queste ragioni possiamo parlare per entrambi gli artisti di un'attitudine alla Gestalt, che sortisce dalla volontà di sorvegliare il processo fattuale, vale a dire la messa in forma del lavoro creativo, che si mostra ai nostri occhi quale immagine flagrante, talora motore di straniamento, come accade per Roberto Remi, talora gioco ironico di materiali reinventati e rimodellati, come accade per Paola Pezzi.

Renata Casarin
Funzionario storico dell'arte
Vicedirettore Complesso Museale Palazzo Ducale Mantova

Dettagli
05/05/2017

Ecco il gran desco splende. Lo spettacolo del mangiare

La mostra clou di Palazzo Ducale per il 2017 è dedicata allo spettacolo e alle arti del banchetto rinascimentale nell’anno in cui Mantova – dopo i fasti di Capitale Italiana della Cultura – rientra con Bergamo, Brescia e Cremona nella nomina di Regione Gastronomica Europea 2017.

Con straordinari e suggestivi contributi, la mostra ricostruisce lo scenario sfarzoso della convivialità dei prìncipi nel corso di due secoli, dal Cinquecento al Settecento: i segreti del convito, la tavola imbandita, la teatralità degli arredi, le tovaglierie, i vasellami, i riti del sedersi e del conversare, le vesti e, le luci, la musica, la poesia e i colori. In un percorso di oltre cento preziose opere provenienti da mezza Europa, nell’atmosfera splendida e scenografica del banchetto emerge quanto fosse importante per i grandi del tempo affidare alla tavola, nelle sue molteplici interpretazioni, il messaggio della propria grandezza e magnificenza, della propria superiorità culturale. 

Dettagli
06/05/2017

Once upon a time. Le spose di Regina Schrecker alla Corte dei Gonzaga

17 marzo - 21 maggio 2017

a cura di Riccardo Maria Braglia

Once upon a time …

È così che iniziano tutte le favole del mondo. Una frase magica – “c’era una volta …” – che rimanda all’atmosfera incantata dell’infanzia, a quelle fiabe, tramandate di generazione in generazione, che ci insegnano a sognare e a vivere la vita con la forza della speranza, della gioia, della passione.
Rendere attuale la vita delle spose giunte alla corte dei Gonzaga spesso da luoghi lontani come altri Granducati o Principati di quell’Italia tanto frastagliata e spesso travagliata, è stata una sfida che ho raccolta con entusiasmo proprio per il desiderio di tramandare questa voglia di vivere, senza rinunciare ai sogni, come in una bellissima favola. Una sfida che mi ha portato a contrapporre due mondi e due stili di vita - il matrimonio combinato per creare vere e proprie alleanze politiche ed economiche da una parte, e il coup de foudre e la voglia spontanea di vivere insieme dall’altra - nella logica di un forte contrasto visivo, e nel tentativo di costruire un ponte ideale tra le culture di un passato prestigioso, un presente ambizioso e … un futuro tutto da inventare!
Il contesto decisamente suggestivo, quasi irreale, del Palazzo dei Gonzaga, icona consacrata del patrimonio artistico e architettonico italiano, spettatrice dei fasti smisurati di una delle più raffinate corti europee, ha costituito una fonte ispiratrice ed emozionale inesauribile, che spero di trasmettere anche ai visitatori attraverso l’intervento espositivo, basato sulle collezioni che ho realizzato durante la mia carriera.
La “Collezione Sposa”, ambientata nelle stupende stanze, sale e gallerie monumentali del Palazzo Ducale, si presta così a un percorso creativo che accompagna la storia del mio brand degli ultimi vent’anni. L’ho immaginato come un “gioco di prestigio”, capace di stimolare la curiosità e la profonda ammirazione verso quei capolavori che rendono magica l’atmosfera di un luogo che ha tanto da svelarci e da raccontare – come, appunto, un sogno, come una favola.

Regina Schrecker
Stilista

Dettagli
06/05/2017

Prendere Forma ("Gestalt")

Roberto Remi / Paola Pezzi

7 aprile - 4 giugno 2017

a cura di Peter Assmann e Renata Casarin

La mostra propone al pubblico l'opera di due artisti, Roberto Remi di Arezzo e Paola Pezzi di Milano, che con differenti linguaggi stilistici indagano la specificità dei mezzi espressivi dell'arte, senza poter distinguere fra specificità pittorica, plastica o letteraria-visiva, in una soluzione di continuità fattuale capace di mettere in gioco la sensibilità percettiva del fruitore, dando origine a un processo di identificazione con l'artefice attraverso l'opera stessa che assume la funzione di corpo estetico attivo.
Per queste ragioni possiamo parlare per entrambi gli artisti di un'attitudine alla Gestalt, che sortisce dalla volontà di sorvegliare il processo fattuale, vale a dire la messa in forma del lavoro creativo, che si mostra ai nostri occhi quale immagine flagrante, talora motore di straniamento, come accade per Roberto Remi, talora gioco ironico di materiali reinventati e rimodellati, come accade per Paola Pezzi.

Renata Casarin
Funzionario storico dell'arte
Vicedirettore Complesso Museale Palazzo Ducale Mantova

Dettagli
06/05/2017

Ecco il gran desco splende. Lo spettacolo del mangiare

La mostra clou di Palazzo Ducale per il 2017 è dedicata allo spettacolo e alle arti del banchetto rinascimentale nell’anno in cui Mantova – dopo i fasti di Capitale Italiana della Cultura – rientra con Bergamo, Brescia e Cremona nella nomina di Regione Gastronomica Europea 2017.

Con straordinari e suggestivi contributi, la mostra ricostruisce lo scenario sfarzoso della convivialità dei prìncipi nel corso di due secoli, dal Cinquecento al Settecento: i segreti del convito, la tavola imbandita, la teatralità degli arredi, le tovaglierie, i vasellami, i riti del sedersi e del conversare, le vesti e, le luci, la musica, la poesia e i colori. In un percorso di oltre cento preziose opere provenienti da mezza Europa, nell’atmosfera splendida e scenografica del banchetto emerge quanto fosse importante per i grandi del tempo affidare alla tavola, nelle sue molteplici interpretazioni, il messaggio della propria grandezza e magnificenza, della propria superiorità culturale. 

Dettagli

CercaInformazioni disabiliCalendarioBiglietti