14/09/20

Giornate Europee del Patrimonio 2020

Il tema delle Giornate Europee del Patrimonio 2020 è dedicato al rapporto tra patrimonio culturale e istruzione: un legame stretto, che occorre continuamente rinnovare affinché si mantenga fertile nel presente. In quest’anno così difficile, il nostro passato costituisce ancor più un importante strumento di apprendimento e una preziosa fonte d’ispirazione per il futuro. C'è stato un tempo in cui la maggior parte di noi era in grado di riconoscere le costellazioni nel cielo notturno, distinguere quali piante erano commestibili in natura, coltivare il nostro cibo, riparare i nostri vestiti, scarpe, creare i nostri gioielli. Saperi che facevano parte dell’istruzione di base di epoche passate. Siamo ora noi in grado di definire in cosa consiste l’istruzione essenziale del 21° secolo? In un momento di reale preoccupazione per il nostro ambiente c'è molto che possiamo imparare dai nostri antenati per adattarci ai bisogni attuali in un’ottica ormai sempre più urgente di sostenibilità.

Per aderire all’iniziativa e fornire un suo piccolo contributo su questa fondamentale sfida della contemporaneità, il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova organizza un articolato programma di eventi culturali che avranno luogo durante il weekend del 26 e 27 settembre.

Locandina A3 GEP2020

Di seguito il programma dettagliato:

GIARDINI APERTI
Sabato 26 settembre e domenica 27 settembre 2020
dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 14.30 alle 17.30
Oltre ai consueti giardini visitabili con il biglietto ordinario di Palazzo Ducale, si potrà accedere anche al Cortile dei Cani (con un percorso circolare che parte dalla Sala di Manto attraverso le Sale dei Capitani e dei Marchesi, la Loggia del Tasso, il Camerino delle Virtù e conduce fino alla Sala di Troia), il Cortile della Cavallerizza (con ingresso da piazza Santa Barbara), il Giardino Segreto di Isabella d’Este (da Corte Vecchia) e il Giardino dei Semplici (da piazza Paccagnini). Per i visitatori sarà predisposto del materiale informativo scaricabile dal sito internet di Palazzo Ducale.
Ingresso con biglietto ordinario

TI PRESENTO UN’OPERA
Nelle giornate di sabato e domenica sarà possibile partecipare liberamente agli approfondimenti a cura dei Funzionari di Palazzo Ducale per conoscere più da vicino alcune delle opere esposte lungo il percorso di visita. Tra i capolavori custoditi all'interno di Palazzo Ducale, abbiamo selezionato due opere che sono state recentemente oggetto di interventi di restauro o di valorizzazione.
Sabato 26 settembre, ore 14.30, 15.30, 16.30
Lotta tra romani e galli, fregio in marmo, sottoportico del Cortile d'Onore, a cura di Daniela Marzia Mazzaglia - Funzionario restauratore
Domenica 27 settembre, ore 10, 11, 12
La pesca miracolosa, arazzo da cartone di Raffaello, appartamento degli arazzi, a cura di Michela Zurla - Funzionario storico dell'arte
Ingresso con biglietto ordinario

"NOI, DONNE DEL RINASCIMENTO”, spettacolo teatrale nel portico del Cortile d’Onore a cura di teatrOrtaet, con accompagnamento musicale del maestro Alberto Mesirca
Sabato 26 settembre ore 20.30, domenica 27 settembre ore 16.00
Alessandra Brocadello e Carlo Bertinelli, attraverso uno spettacolo teatrale, raccontano il Rinascimento in un vorticare di personaggi maschili e femminili, ciascuno dei quali esprime dal proprio punto di vista un frammento di questa epocale trasformazione della percezione del mondo. Apre la visita, Lucrezia Borgia, la “regina nera”, figlia di papa Borgia, che, accingendosi a sposare Alfonso d’Este e a dare una svolta alla sua esistenza votata alla ragion di stato, si contrappone alla cinica logica politica del fratello Cesare Borgia, il Valentino. È quindi la volta di Giulia Farnese, la giovanissima amante di papa Borgia, che si confronta con il fratello Alessandro, divenuto cardinale per merito della sua scandalosa relazione e, dopo la morte della sorella, eletto papa con il nome di Paolo III. Ancora oggi l’appartamento di papa Farnese, in cui è esposta la Dama del liocorno che la tradizione vuole essere il ritratto segreto di Giulia, rappresenta il fulcro artistico di Castel Sant’Angelo. Davanti al dipinto di Luca Longhi, Paolo III ormai anziano rievoca il destino della sorella e la “damnatio memoriae” che ha impedito fossero tramandate ai posteri le sembianze di “Giulia la Bella”. C’è Lutero, che dopo aver visitato Roma la stigmatizza come “Babilonia infernale”, e papa Clemente VII Medici, che si rammarica di non aver colto appieno l’eversività di quel monaco fino a quando non si troverà imprigionato nel castello dai lanzichenecchi luterani. C’è Isabella d’Este, che ha indugiato a Roma per ottenere il cappello cardinalizio per il figlio Ercole e che sfugge a malapena alla furia dei saccheggiatori, grazie all’intervento dell’altro figlio, Ferrante, generale degli Imperiali.
Portico Cortile d’Onore, biglietto € 5,00 (non include la visita al museo) - ingresso da piazza Lega Lombarda
Gratuito per i bambini fino a 6 anni
Prenotazione obbligatoria: tel. 0376 352100 / 0376 352152
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (capienza massima 25pp.)

Locandina A3 VisiteAnimate2020

L’ARCHEOLOGIA NELLE TUE MANI
Sabato 26 settembre ore 19.30, 20.15, 21.00
L’archeologa Mari Hirose vi porterà alla scoperta di alcuni reperti conservati nel museo attraverso un percorso “tattile”: i visitatori potranno toccare con mano alcuni tra i reperti delle collezioni del Museo Archeologico Nazionale in un incontro ravvicinato con la storia e l’archeologia mantovane. Per partecipare alla visita è necessario effettuare la prenotazione, munirsi di mascherina e guanti in lattice usa e getta.
Ingresso con biglietto € 1
Prenotazione obbligatoria: email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., tel. 0376 320003

Locandina A3 ArcheologiaTattile 01

BIBLIOTECA APERTA, MUSEO ARCHEOLOGICO
Sabato 26 settembre ore 10.00 - 13.00 e 14.30 - 17.30
Domenica 27 settembre 2020 ore 10.00 - 13.00
Sarà possibile visitare a gruppi di massimo 5 persone alla volta gli affreschi della biblioteca del Museo Archeologico Nazionale. Tali affreschi sono una sorpresa nel panorama delle decorazioni del Cinquecento mantovano. Dobbiamo immaginare che essi rivestissero in origine un esterno, un prospetto rivolto verso piazza Castello, e che fossero quindi eseguiti nel 1549 ca., poiché in quell'anno veniva realizzato il primo teatro stabile dei Gonzaga, nel sito oggi occupato dal Museo Archeologico. Il teatro era ispirato al modello di teatro di corte illustrato da Sebastiano Serlio nel Secondo libro di Perspettiva (1545); l'interno andò distrutto in un incendio nel 1588, ma il fuoco non danneggiò i muri portanti e le decorazioni in esterno. Gli affreschi sul lungo prospetto meridionale del teatro permettono di ricostruire idealmente un ordine costituito da un parato di colonne binate rustiche a bugne fasciate e alternate, che inquadrano nicchie con statue. L'utilizzo del "rustico" è senz'altro un elemento che rimanda a Giulio Romano, il quale era però morto nel 1546; la "complicazione" dell'impiego di bugne fasciate e alternate ci porta con ogni probabilità nell'ambito di Giovan Battista Bertani. Questi - pittore, scultore e architetto - fu l'erede di Giulio come prefetto delle fabbriche e ne esasperò lo stile con il ricorso a elementi anomali e rari, come appunto quello impiegato nella finta architettura dipinta. La particolare soluzione del bugnato deriva ancora dalla trattatistica di Serlio, ma sembra anticipare l'impiego nell'architettura di pietra e mattoni, come avvenne pochi anni dopo sul portale di palazzo Vidoni a Cremona.
Ingresso con biglietto ordinario

APERTURA SERALE
Sabato 26 settembre ore 19.15 - 22.15 (ultimo ingresso 21.20)
Dalle ore 18.30 di sabato 26 settembre si potrà accedere al percorso museale ordinario con biglietto d’ingresso di € 1,00.

Il Museo Archeologico Nazionale rimarrà chiuso al pomeriggio di domenica 27 settembre 2020
Segnaliamo che nel medesimo week end si terrà a Mantova l’iniziativa “Interno Verde” alla quale Palazzo Ducale aderisce consentendo ai partecipanti alla manifestazione l’accesso al Giardino dei Semplici dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00.

Leggi tutto...
12/09/20

Nominati i 13 nuovi direttori dei musei italiani

Musei, Franceschini: ecco i 13 nuovi direttori selezionati con bando internazionale
‘Modello italiano è eccellenza nel Mondo’

“I musei italiani sono cambiati profondamente in questi anni fino a diventare un’eccellenza, un modello positivo e riconosciuto nel mondo perché a guidarli sono andate le persone giuste attraverso rigorose selezioni internazionali”. Così il ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini annuncia i 13 nuovi direttori di musei, parchi archeologici e biblioteche selezionati da una commissione di altissimo livello scientifico presieduta dal direttore del museo Egizio di Torino e composta dai direttori della National Gallery di Londra, del Prado di Madrid e da esperti di chiara fama.

La commissione ha valutato 425 candidati e selezionato i direttori dei tredici istituti culturali statali dotati di autonomia messi a bando con la procedura di selezione internazionale dello scorso gennaio.

“Tredici importanti realtà del patrimonio culturale italiano - ha aggiunto Franceschini - hanno ora un direttore selezionato tra i massimi esperti internazionali, grazie all’accurato e scrupoloso lavoro di valutazione effettuato da una commissione di alto livello scientifico che ringrazio pubblicamente per il grande lavoro svolto in questi mesi. Un metodo innovativo che sta contribuendo con successo alla modernizzazione del sistema museale nazionale”.

DBE9895F B196 4669 8A18 90A2D4CEE805

Leggi tutto...
09/09/20

Aperture serali

Da venerdì 11 settembre fino al 10 ottobre Palazzo Ducale ha programmato una serie di nove serate di apertura straordinaria: tre ore oltre il tradizionale orario di apertura, ovvero fino alle 22.15, per apprezzare appieno la magica atmosfera della reggia gonzaghesca in una suggestiva cornice serale. In tre fasce orarie sarà possibile acquistare in giornata un servizio di visita guidata al costo di € 6,00 a persona fino a gruppi di 12 persone nelle fasce orarie delle 19.30, 20.20 e 21.

Le date di apertura straordinaria sono le seguenti:
Venerdì 11 settembre
Sabato 12 settembre
Venerdì 18 settembre
Sabato 19 settembre
Venerdì 25 settembre
Sabato 26 settembre (ingresso serale con biglietto a € 1 in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2020)
Venerdì 2 ottobre
Sabato 3 ottobre
Sabato 10 ottobre

Leggi tutto...
27/08/20

Biglietto unico "Sposi-Giganti"

Dal 1° settembre 2020 è attivo il biglietto "Sposi-Giganti": un pass di accesso che consente di visitare in un sol giorno i complessi mantovani di Palazzo Ducale, Palazzo Te e Palazzo D'Arco al prezzo speciale di € 19. Un'occasione estremamente vantaggiosa per conoscere da vicino alcuni capolavori mantovani del Rinascimento italiano. Il biglietto è acquistabile online e presso le biglietterie di Palazzo Ducale e di Palazzo Te.

La Camera degli Sposi (1465-1474) nel Complesso Museale di Palazzo Ducale, la Sala dello Zodiaco (1515-20) in Palazzo d’Arco e la Sala dei Giganti (1529-1532) di Palazzo Te - pur nelle loro differenze e specificità - sono accomunate da una concezione "immersiva" dello spazio. Sono stanze dove le pareti, attraverso l'artificio pittorico e le superfici interamente affrescate, conducono lo spettatore al centro di una formidabile narrazione e lo rendono co-protagonista di un coinvolgente spettacolo. Il biglietto "Sposi Giganti" riunisce, in un unico percorso di visita a scala urbana, i capolavori di Andrea Mantegna, Giulio Romano e Giovanni Maria Falconetto: un'esperienza straordinaria all'insegna dell'arte.

Come funziona:
Il biglietto "Sposi-Giganti" è acquistabile online in prevendita a questo link (leggi attentamente le istruzioni) oppure recandosi direttamente presso la biglietteria di Palazzo Ducale o Palazzo Te. Sono a disposizione quattro fasce orarie al mattino (10.00, 10.30, 11.00 e 11.30) e altrettante al pomeriggio (14.00, 14.30, 15.00 e 15.30). A ciascuna fascia oraria del mattino per Palazzo Ducale, ne corrisponde una al pomeriggio per Palazzo Te e viceversa. Le fasce orarie prevedono gruppi da 10 visitatori ciascuna, fino a esaurimento posti. La visita a Palazzo D'Arco è libera, occorre semplicemente recarsi all'ingresso in piazza Carlo d'Arco n°4 muniti di biglietto.

pannello ducale print 01

Leggi tutto...
25/08/20

Consigli per la visita!

Ricordiamo ai gentili visitatori che le attuali misure di contingentamento degli ingressi, dovute alla tutela della salute pubblica, consentono l'accesso a 13 persone ogni 10 minuti (eventuale guida inclusa) dalle 8.50 fino alle 18.20.Si consiglia vivamente di prenotare online la fascia oraria della propria visita e di rispettare l'orario d'ingresso indicato sul biglietto o prescelto in fase di prenotazione, in quanto il sistema di tornelli è automatizzato.

Ricordiamo inoltre che:

  • E' obbligatorio per tutti (prenotati e non) recarsi in biglietteria per la prova della temperatura con termoscanner.
  • In biglietteria esiste, oltre alla normale corsia, anche una preferenziale riservata a chi ha prenotato la sua visita e pertanto deve solo ritirare il biglietto e provarsi la temperatura.
  • E' opportuno recarsi sul posto con buon anticipo per rispettare il proprio orario d'ingresso (il margine di tolleranza del sistema di tornelli è di +/- 5 minti).
  • Per evitare lunghe code, è preferibile recarsi al museo nelle prime ore del mattino o - possibilmente -.nei giorni feriali.

Vi ringraziamo per la preziosa collaborazione e vi auguriamo una buona visita!

Leggi tutto...
27/07/20

Trame Sonore 2020

Palazzo Ducale è lieto di presentare l'attesa nuova edizione di "Trame Sonore - Mantova Chamber Music Festival",  il celebre evento organizzato e curato da Oficina Ocm che esalta la socialità mantovana e ne fa "risuonare" i principali luoghi della cultura. Le sale del nostro museo ospiteranno come tutti gli anni una ricca e qualificata offerta di concerti di musica da camera con prestigiosi ospiti internazionali. Di seguito un sintetico comunicato a cura di Oficina OCM:

---

Si terrà da venerdì 4 a domenica 6 settembre 2020 l 'ottava edizione di "Trame Sonore - Mantova Chamber Music Festival", organizzata da Oficina Ocm con la Direzione di Palazzo Ducale e il Comune di Mantova, originariamente prevista dal 29 maggio al 2 giugno scorsi e rinviata causa emergenza epidemiologica da Covid-19.

Quella 2020 sarà necessariamente un’edizione speciale. Strutturata per garantire la totale sicurezza di utenza e artisti, sarà più breve, porterà in città un numero più contenuto di musicisti, programmerà meno concerti, in sale dalle capienze necessariamente ridotte. Ma manterrà alta la qualità progettuale e artistica, riportando in auge le atmosfere che da otto anni rendono il festival un unicum di richiamo internazionale. I numeri restano comunque importanti e raccontano di un festival ad alta densità: si passa dai 350 artisti delle edizioni precedenti agli oltre 100 musicisti attesi a Mantova a settembre e dai 200 eventi del cartellone 2019 al centinaio dell’edizione 2020.

Alexander Lonquich, musicista dagli orizzonti culturali amplissimi, e Alfred Brendel, icona del pianismo odierno, si riconfermeranno rispettivamente Artista in residenza e Ospite d’onore. L’Orchestra da Camera di Mantova, cuore pulsante del festival, sarà protagonista nelle serate inaugurale e conclusiva, oltre che per tramite dei numerosi gruppi da camera cui danno vita i suoi musicisti. Tra i nomi di punta della scena internazionale che approderanno a Mantova spiccano il tenore inglese Mark Padmore, il Settimino dei Berliner Philharmoniker, i quartetti Hermes e Prometeo, il soprano Gemma Bertagnolli, le violiniste Carolin Widmann e Nurit Stark, le violiste Danusha Waskiewicz e Vicki Powell, i violoncellisti Vashti Hunter e Alexey Stadler, i pianisti Gloria Campaner, Gabriele Carcano e Nicholas Rimmer, il poeta e scrittore Roberto Piumini.

Trame Sonore continuerà a vivere di un mix di eventi a pagamento e gratuiti, pensato tanto per soddisfare gli ascoltatori più appassionati ed esigenti (che chiedono proposte e condizioni d’ascolto tutelate) quanto per enfatizzare la componente divulgativa e l’effetto di avvicinamento all’ascolto di un pubblico vasto e vario. Ai concerti al Teatro Bibiena, gioiello di acustica e architettura, si affiancheranno momenti musicali distribuiti lungo percorsi di visita museale e nelle piazze del centro storico cittadino, ma anche proposte per le famiglie e conversazioni sulla musica.

La biglietteria imposta una strategia volta a garantire l’inclusività a dispetto delle piccole capienze: abbonamenti differenziati (per contenuti, numero di concerti, costi) e biglietti singoli saranno creativamente bilanciati per rendere l’accesso possibile al maggior numero di appassionati e curiosi. Da martedì 21 luglio via alle prevendite, con precedenza ai sottoscrittori di abbonamento. Per i biglietti bisognerà attendere il 18 agosto.

Al sito www.oficinaocm.com/trame sonore tutti i dettagli.

---

Di seguito alcuni scatti delle precedenti edizioni del festival (© Stefano Bottesi per Trame Sonore):

SalaSpecchi Ducale StefanoBottesi low

Alexander Tommaso Lonquich SalaPisanello low

Lonquich Ocm StefanoBottesi low

 

Leggi tutto...
10/07/20

Visite guidate nel weekend

A partire da sabato 11 luglio fino a domenica 30 agosto è attivo un servizio di visite guidate per godere al meglio delle meraviglie del percorso museale di Palazzo Ducale.

In tre fasce orarie (ore 10.10 / 11 / 16) ogni sabato e domenica una guida turistica abilitata sarà disponibile ad accompagnare all'interno della reggia gruppi fino a 9 visitatori al prezzo di € 5,00, il medesimo costo di un'audioguida, il cui servizio è attualmente sospeso per le misure di tutela della salute pubblica. Un modo per offrire al pubblico un supporto qualificato per un'esperienza ricca e indimenticabile.

E' possibile acquistare il servizio in giornata recandosi - già muniti di regolare biglietto - nelle immediate adiacenze dell'ingresso in piazza Castello all'apposito desk sotto i portici dell'esedra.

Leggi tutto...
10/07/20

Prorogate le visite guidate nel weekend

Dato l'ottimo riscontro, il servizio di visite guidate al percorso museale di Palazzo Ducale e Museo Archeologico è stato prorogato oltre il 31 agosto fino a domenica 11 ottobre.
Sarà sospeso soltanto nel weekend del 5 e 6 settembre per la concomitanza della manifestazione Trame Sonore 2020.

Ricordiamo: 

Ogni sabato e domenica è attivo un servizio di visite guidate in tre fasce orarie (ore 10.10 / 11.10 / 16): una guida turistica abilitata sarà disponibile ad accompagnare all'interno della reggia gruppi fino a 12 visitatori al prezzo di € 6,00, poco più del medesimo costo di un'audioguida, il cui servizio è attualmente sospeso per le misure di tutela della salute pubblica. Un modo per offrire al pubblico un supporto qualificato per un'esperienza ricca e indimenticabile.

E' possibile acquistare il servizio in giornata recandosi - già muniti di regolare biglietto - nelle immediate adiacenze dell'ingresso in piazza Castello all'apposito desk sotto i portici dell'esedra. La durata della visita si aggira tra i 60 e i 90 minuti.

Leggi tutto...
03/07/20

RIPARTE L’ACCADEMIA DI DISEGNO

Da martedì 7 luglio riprende il corso di disegno negli ambienti di Palazzo Ducale. L’attività, che si svolge con continuità da alcuni anni, si ricollega alla tradizione delle accademie settecentesche, con particolare riferimento all’Accademia Nazionale Virgiliana fondata a Mantova nel 1752 e riconosciuta da Maria Teresa d’Austria nel 1768. Uno dei momenti fondamentali per la formazione degli artisti riconosciuti dalla Reale Accademia di Scienze e Belle Lettere era infatti lo studio dei capolavori del passato e il loro ridisegno. Il corso di Palazzo Ducale offre dunque la possibilità di fruire il museo non solo come luogo dove ammirare le testimonianze del passato ma anche come atelier di creazione artistica.

Gli incontri si svolgeranno tutti i martedì di luglio alle ore 9,30 del mattino sotto la supervisione del maestro Giorgio Foroni. Dopo una pausa nel mese di agosto, il corso riprenderà in autunno. Le iscrizioni sono aperte a tutti e la partecipazione avviene con regolare biglietto del museo. Con l’abbonamento annuale a Palazzo Ducale (acquistabile in biglietteria al prezzo di € 29) sarà possibile seguire tutte le lezioni settimanali del 2020. La lezione di martedì 7 luglio, per chi si iscrive al corso di disegno per la prima volta, è gratuita previa prenotazione. Il ritrovo è nelle adiacenze della biglietteria unica di piazza Sordello.

Per prenotazioni e maggiori informazioni
Dott.ssa Michela Zurla (Funzionario Storico dell’Arte)
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
tel. 0376 352144

Leggi tutto...
01/07/20

Dona il 5 x 1000 a Palazzo Ducale

Il Complesso museale Palazzo Ducale di Mantova è tra gli istituti dotati di autonomia speciale ai quali è possibile donare il proprio 5x1000 nella dichiarazione dei redditi. Un modo semplice per supportare la cultura in questo difficile momento storico. Il codice fiscale da riportare è 93070260208.

Citando il DPCM 28 luglio 2016 "il contribuente puo' destinare la quota del cinque per mille dell'imposta sul reddito delle persone fisiche per il finanziamento delle attivita' di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici, apponendo la firma nell'apposito riquadro che figura nel modello CUD, nel modello 730/1, nel modello Unico Persone Fisiche ovvero nella scheda per la scelta dell'otto e del cinque per mille, inserita nel fascicolo delle istruzioni alla compilazione del modello Unico Persone Fisiche e riservata ai soli soggetti esonerati dalla presentazione della dichiarazione".

Maggiori informazioni sul sito MiBACT a questo link.

Leggi tutto...
29/06/20

Premiazione a Rodigo per "Uno stravagante maestro"

Martedì 30 giugno si è svolta presso il Comune di Rodigo la premiazione del progetto Uno stravagante maestro… Concorso Giulio Romano per le scuole. L'idea nasce da una collaborazione tra il Comune di Rodigo e il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova, in relazione alla mostra “Con nuova e stravagante maniera”. Giulio Romano a Mantova svoltasi a Palazzo Ducale dal 6 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020.

L’iniziativa si è rivolta alle scuole secondarie di 1° grado della Provincia di Mantova che l’hanno accolta con entusiasmo. Dopo la visita alla mostra gli studenti sono stati chiamati ad approfondire alcune tematiche ispirate alla produzione artistica di Giulio Romano elaborando dei progetti specifici con la supervisione dei docenti. Lavorando a gruppi, i ragazzi hanno potuto esprimere la loro creatività in un percorso che ha stimolato il confronto e la riflessione. Gli elaborati, presentati entro il 31 gennaio 2020, sono stati valutati da una giuria composta da Paola Artoni, Direttrice del Museo dei Madonnari di Grazie di Curtatone, Ermanno Poletti, professore del Liceo Artistico Giulio Romano di Mantova, e Michela Zurla, Funzionario storico dell’arte del Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova.

Sono stati individuati 8 vincitori: scuola secondaria di primo grado di Rodigo (Istituto Comprensivo di Castellucchio), scuola secondaria di primo grado di Castellucchio (Istituto Comprensivo di Castellucchio), scuola secondaria di primo grado “Bazzani” di Borgo Virgilio (Istituto Comprensivo di Borgo Virgilio), scuola secondaria di primo grado “G. Bertazzolo” di Mantova (Istituto Comprensivo di Mantova 3), scuola secondaria di primo grado di Bagnolo San Vito (Istituto Comprensivo di Borgo Virgilio), scuola secondaria di primo grado “B. Croce” di Gonzaga (Istituto Comprensivo di Gonzaga), scuola secondaria di primo grado “G.B. Vito” di Villimpenta (Istituto Comprensivo di Roncoferraro), scuola secondaria di primo grado di Campitello (Istituto Comprensivo di Sabbioneta). 
A questo link è possibile visionare una selezione degli elaborati dei ragazzi.

L’iniziativa ha visto inoltre la partecipazione di numerosi sponsor privati che hanno generosamente messo a disposizione premi destinati alle scuole vincitrici, consistenti in monitor, notebook e tablet.

La premiazione, inizialmente prevista per marzo 2020, è stata posticipata al 30 giugno 2020.

Leggi tutto...
20/06/20

Prima dei Celti: gli Etruschi tra Alpi e Mediterraneo

In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia (19-21 giugno 2020) il Museo Archeologico Nazionale di Mantova presenta per la prima volta al pubblico uno dei suoi reperti più preziosi: la spada celtica di Medole. I Celti, che i Romani chiamavano anche Galli, erano una popolazione originaria dell’Europa centrale. Intorno al 388 a.C. alcune tribù valicarono le Alpi attirate dalle ricchezze della penisola italiana, che ben conoscevano grazie a secoli di scambi commerciali. In seguito all’invasione, nella regione compresa tra Bergamo, Brescia e Mantova si stabilì la tribù dei Cenomani, che vi abitò fino alla sua progressiva romanizzazione.

Ma quali genti occupavano il territorio mantovano prima del 388 a.C.?

Gli Etruschi, provenienti dall’odierna Toscana, iniziarono a insediarsi gradualmente nella pianura padana a partire dal IX sec. a.C., epoca a cui risale la fondazione di Felsina (Bologna).
Una seconda ondata colonizzatrice, nel VI sec. a.C., portò alla nascita dell’abitato del Forcello (Bagnolo S. Vito – MN), sorto sulle sponde di un antico lago formato dal corso del Mincio.
La città si trovava al centro di una vasta rete di traffici internazionali e prosperò quindi grazie al commercio. Via fiume era infatti in collegamento diretto con i porti adriatici di Adria e Spina, dove approdavano mercanti provenienti dai paesi del Mediterraneo. Si trovava inoltre all’estremo lembo settentrionale dei domini etruschi, al confine con le terre dei Veneti, dei Reti e dei Celti della cultura di Golasecca che, prossimi ai passi alpini, svolgevano il ruolo di tramite con i principi celti dell’Europa centrale.

Nel corso degli anni, gli archeologi dell’Università degli Studi di Milano hanno portato alla luce numerosissimi reperti “esotici”, che si aggiungono ai ritrovamenti segnalati alle autorità da attenti scopritori locali. Grazie alle loro scoperte sappiamo che, dall’isola greca di Rodi, arrivavano unguenti e profumi, contenuti in raffinate ampolle di vetro colorato (fig. 2). I migliori vini del mar Egeo erano serviti in vasi e coppe in ceramica prodotti nell’Attica, la regione di Atene. Dal Mediterraneo orientale provenivano inoltre gioielli preziosi, come lo scarabeo in diaspro utilizzato da uno degli abitanti del Forcello come sigillo personale (fig. 3).

gea fig2 balsamario low gea fig3 scarabeo low

Talvolta si trovano anche oggetti più inconsueti, come una bambolina di terracotta che aveva braccia e gambe snodabili (fig. 4), fabbricata nella città di Corinto: possiamo immaginare la gioia della bambina che la ricevette in dono! Dopo l’invasione celtica quasi tutti gli insediamenti etruschi della pianura padana cessano di esistere. Anche il Forcello viene distrutto o abbandonato ed è verosimile pensare che i suoi abitanti si siano trasferiti nella vicina Mantova, circondata dal fiume e da paludi e quindi più facilmente difendibile. Da questo momento la città diverrà il centro principale dell’Etruria padana e continuerà a prosperare, conservando la propria identità culturale fino all’epoca romana.

gea fig4 bambola low

Leggi tutto...
18/06/20

Guerrieri celti nel Mantovano

In occasione dell’edizione 2020 delle Giornate Europee dell’Archeologia, il Museo Archeologico Nazionale di Mantova espone per la prima volta uno dei suoi reperti più belli: la spada celtica di Medole. Databile al II sec. a.C., venne alla luce nell’estate del 1955 a Medole, in fondo S. Nazzaro. Insieme a pochi altri reperti si salvò dalla distruzione di una vasta area cimiteriale, utilizzata per secoli da Celti, Romani e Longobardi. La spada, sottoposta per l’occasione a un intervento di restauro conservativo, sarà visibile da vicino presso il Museo Archeologico Nazionale a partire dal 19 giugno. 

 

Leggi tutto...
10/06/20

Sabato 13 giugno al via il nuovo percorso della reggia

Dopo la buona riuscita della prima settimana di apertura - con percorso ridotto e gratuito attivo fino a venerdì - sabato 13 giugno riaprirà il percorso museale completo della reggia gonzaghesca che permetterà di apprezzarne tutta la bellezza.

Di seguito tutte le informazioni:
Dal 13 giugno al 31 agosto 2020
Biglietto Castello di San Giorgio (con Camera degli sposi), Corte Vecchia, Museo Archeologico Nazionale 
Intero € 13
Ridotto € 2 (giovani 18 - 25 anni)
Supplemento Abbonamento Musei Lombardia e Piemonte e Mantova e Sabbioneta card ​ € 5,50
È possibile prenotare l'ingresso online su piattaforma Vivaticket al costo di € 1 oppure direttamente in biglietteria.

Fino a venerdì 12 giugno compreso sarà attivo il percorso gratuito ridotto (Camera degli Sposi e parte del Museo Archeologico Nazionale).

Ricordiamo che è obbligatorio recarsi in biglietteria almeno 15 minuti prima dell'ingresso per ritirare il biglietto ed effettuare il controllo della temperatura, oltre a rispettare tutte le disposizioni relative alla tutela della salute pubblica.

I servizi @printathome, controllo biglietti da smartphone e call center sono sospesi.

Mappa Percorso 13 06 2020

Qui la mappa in pdf del nuovo percorso del museo attivo da sabato 13 giugno che è possibile scaricare sul proprio smartphone.

 

Leggi tutto...
29/05/20

Palazzo Ducale riapre il 5 giugno

Il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova riaprirà al pubblico venerdì 5 giugno. Per la prima settimana - in via sperimentale - il percorso di visita sarà ridotto e gratuito, per verificare il corretto funzionamento delle nuove procedure igienico-sanitarie di tutela della salute pubblica. Se tutto si svolgerà nel migliore dei modi, come ci auguriamo, potremo riaprire il nuovo percorso che consentirà una visita completa anche agli ambienti di Corte Vecchia e Corte Nuova. In un luogo che ha accolto oltre 340.000 visitatori nel corso del 2019 – una media di quasi mille al giorno – occorrerà d'ora in poi contingentare rigorosamente gli accessi, per il bene di tutti.

Dal prossimo venerdì si tornerà dunque ad ammirare la Camera degli Sposi, con ingresso da piazza Castello, e una buona parte del Museo Archeologico Nazionale. La prenotazione obbligatoria potrà avvenire online o presso la biglietteria (che aprirà sempre il 5 giugno). L'accesso al capolavoro di Andrea Mantegna sarà consentito a un numero di dieci persone alla volta ogni dieci minuti, per garantire il distanziamento di sicurezza e nella sala saranno presenti nuove sedute che offriranno, insieme, comodità e distanze adeguate. Il Museo Archeologico Nazionale aprirà il suo piano terra, con l'evocativo racconto della storia del territorio mantovano, e una piccola parte del primo piano per poter visitare l'emozionante reperto neolitico degli "Amanti di Valdaro". Gli orari saranno quelli consueti, dal martedì alla domenica ore 8.45-19. La domenica pomeriggio il Museo Archeologico Nazionale, di solito chiuso, sarà pertanto aperto. 

"In questi giorni di chiusura dovuti all'emergenza sanitaria – afferma la Direttrice della Reggia Emanuela Daffra – siamo sempre stati consapevoli della necessità di una riapertura in sicurezza. Una volta presa visione del quadro normativo, lo staff ha lavorato con scrupolo per ottemperare con il massimo rigore a tutte le nuove un misure in dialogo costante con le parti sociali. Dal 5 giugno vogliamo testare l’efficacia del sistema ma vogliamo anche aprire con un regalo alla città proponendo un percorso ridotto ma gratuito: un pensiero rivolto specialmente ai mantovani e ai lombardi, ai quali vogliamo far riscoprire una volta ancora, attraverso il suo capolavoro più noto, la ricchezza di quell’incredibile scrigno di tesori che è Palazzo Ducale".

10 Camera Picta Anrea Mantegna op Quattrone 2006 low

DSC 1279 2 u low

Tutte le prescrizioni da rispettare durante la visita sono indicate qui.

Leggi tutto...

CercaInformazioni disabiliCalendarioBiglietti