21/11/22

E-book gratuito sulle nuove acquisizioni

Il libro che raccoglie dieci anni di aggiornamento delle collezioni di Palazzo Ducale di Mantova è disponibile gratuitamente al link qui sotto. Il volume, edito da Sometti, raccoglie le schede di tutte le nuove acquisizioni e un saggio del direttore Stefano L'Occaso.

Buona lettura!

Scarica il "Catalogo delle nuove acquisizioni 2012-2022"

Leggi tutto...
18/11/22

"Luce Ombra Pittura"

Dal 19 novembre fino al 31 dicembre sarà aperta la mostra “Luce Ombra Pittura” dell’artista Raffaele Cioffi allestita presso gli spazi de “LaGalleria Arte Contemporanea” di Palazzo Ducale. Patrocinata dal Comune di Mantova e curata da Alberto Barranco di Valdivieso, l'esposizione si snoda lungo tre sale illustrando un universo poetico di diciassette tele, quasi tutte di grande formato. Opere che chiedono al visitatore di “entrare” e “attraversarle” per ritrovarsi in un'altra dimensione.

La pittura di Raffaele Cioffi viene definita "post-aniconica": si serve esclusivamente di mezzi rappresentativi di tipo non figurato, dove la dissolvenza dell’immagine si compie nella luce e nel colore. Un’astrazione moderna, dalla colorazione pastosa e dalla valenza spirituale, che rispecchia un timbro romantico dell’anima. Tra le opere esposte, alcune appartengono al ciclo delle "Soglie" e preludono alla nuova serie dei "Passaggi".

Raffaele Cioffi ha avuto rapporti personali profondi con artisti come Valentino Vago, Claudio Verna, Claudio Olivieri e anche su questo solco intellettuale e umano si muove il suo lavoro odierno, che spinge lo spettatore in un viaggio immersivo nel suo universo segnico, evocativo e poetico.

Sito Palazzo Ducale varie3

Sito Palazzo Ducale varie2 new

---

RAFFAELE CIOFFI “LUCE OMBRA PITTURA”
Mostra a cura di Alberto Barranco di Valdivieso

LaGalleria. Arte Contemporanea - Palazzo Ducale di Mantova
accesso da sotto il voltone tra le piazze Sordello e Lega Lombarda, Mantova
dal 19 novembre al 31 dicembre 2022
Ingresso libero

Orari di apertura
venerdì 15.00-18.00 sabato e domenica 10.00 - 13.00 / 14.00 - 18.00 8 Dicembre 10.00 - 13.00 / 14.00 - 18.00 27, 28, 29, 30 Dicembre 15.00 - 18.00
Inaugurazione: sabato 19 novembre ore 11

Brochure in pdf

Sito Palazzo Ducale varie

Leggi tutto...
08/11/22

Manifestazioni d'interesse per spettacoli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE FINALIZZATO ALL’ACQUISIZIONE DI PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI SPETTACOLO DAL VIVO DA SVOLGERSI PRESSO IL MUSEO DI PALAZZO DUCALE DI MANTOVA NEL PERIODO PRIMAVERILE-ESTIVO 2023 (1° marzo – 31 ottobre 2023) (1° marzo – 31 ottobre 2023)

Segnaliamo che nella pagina Amminsitrazione trasparente è stato pubblicato l'avviso pubblico per l'acquisizione di proposte di attività di spettavolo dal vivo da svolgersi presso il museo di Palazzo Ducale nel periodo marzo - ottobre 2023. L'indagine si collega all’avviso pubblico del 21 ottobre 2022, rep. n. 1528 della Direzione Generale Spettacolo del Ministero della Cultura “Sostegno per la valorizzazione delle attività di spettacolo dal vivo da svolgersi nei musei, parchi archeologici di rilevamente interesse nazionale presenti su tutto il territorio nazionale dotati di autonomia speciale”. È finalizzato alla ricezione di manifestazioni di interesse da parte dei soggetti proponenti potenzialmente interessati a partecipare alla programmazione culturale del Museo.

Di seguito alcuni dettagli in estrema sintesi:

- La manifestazione d'interesse è rivolta a singoli professionisti, associazioni, fondazioni, cooperative sociali, onlus e organismi similari.
- Si possono proporre spettacoli singoli o in serie dei seguenti tipi: performance teatrali, danze, musica e spettacoli circensi.
- Il calendario o il singolo evento deve essere previsto tra il 1° marzo e il 31 ottobre 2023.
- La sede degli spettacoli dev'essere Palazzo Ducale, con particolare predilezione per i luoghi all'aperto quali giardini o cortili.
- Il finanziamento ammonta a un massimo di € 15.000 per ciascuna delle quattro tipologie (massimo €60.000) e deve andare a coprire tutte le spese, dalla progettazione all'esecuzione comprese movimentazioni, allestimenti degli spazi ed eventuali costi di spostamento e pernottamento degli artisti.
- L'unico biglietto consentito per la partecipazione agli spettacoli dal parte del pubblico è quello del museo di Palazzo Ducale.
- Gli spettacoli dovranno essere adeguati al contesto monumentale di Palazzo Ducale, con particolare predilezione per un pubblico eterogeneo e la massima accessibilità alle categorie disagiate e fragili.

La valutazione delle proposte verrà fatta da una commissione interna di Palazzo Ducale composta da 3 membri.
Scadenza per la presentazione delle domande: mercoledì 16 novembre 2022 entro le ore 12
(inviare via pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Leggi tutto...
04/11/22

La didattica in museo

I Servizi Educativi di Palazzo Ducale e Museo Archeologico hanno progettato un ricco calendario di laboratori didattici e visite guidate per famiglie con grandi e piccoli. Si tratta di occasioni sempre nuove per imparare divertendosi, senza limiti di età. Qui sotto trovate il programma completo per i mesi di novembre e dicembre 2022, con i primi moduli di iscrizione disponibili.

Vi ricordiamo che per partecipare è necessario prenotarsi e, il giorno della visita, munirsi di biglietto didattica da € 5,00 a persona (sia adulti che bambini). Il punto di ritrovo è sempre sotto i portici nelle immediate adiacenze della biglietteria. Per eventuali ulteriori informazioni è possibile chiamare lo 0376 352100 (Palazzo Ducale) o il 0376 320003 (Museo Archeologico Nazionale)

Buon divertimento!

---

CALENDARIO DIDATTICA
a cura dei Servizi Educativi di Palazzo Ducale e Museo Archeologico Nazionale

IMG 20210520 182901 low


Sabato 26 novembre, ore 15.30 e ore 17.00

La città nascosta
(per adulti e famiglie)
Visita guidata dedicata agli ultimi ritrovamenti emersi dal sottosuolo di Mantova, che continua  a riservare sorprese e a svelare, tassello per tassello, la sua storia più antica.
Iscrizioni all'orario delle 15.30   -   Iscrizioni all'orario delle 17

 

---

 

Mese di Dicembre 2022

DSC 10023 u low new

Domenica 4 dicembre, ore 15.30
Naturalia e mirabilia. Scienze alla corte dei Gonzaga
(per bambini dai 6 ai 12 anni, volendo accompagnati)
I Gonzaga furono grandi collezionisti non solo di opere d’arte ma anche di oggetti naturalistici. Quest'ultimi costituivano una campionatura del creato attraverso una selezione di oggetti curiosi, reperti bizzarri e disparati provenienti dal mondo animale, minerale e vegetale, di cui erano lodati i poteri curativi o magici. Munito di apposito taccuino ogni partecipante sarà invitato a scoprire gli oggetti esposti e a elaborare il proprio mostro da collezione.
Iscrizioni qui

06 Le sepolture neolitiche low

Sabato 10 dicembre, ore 15,30 e ore 17
Sepolture neolitiche
(per adulti e famiglie)
Ogni tempo e ogni cultura hanno le proprie pratiche e i propri riti, che gli archeologi riconoscono e ricostruiscono. Le sepolture de gli “Amanti di Valdaro”, “Il cacciatore e il cane” e “Lo Sciamano” ci guidano alla scoperta delle antiche credenze dei primi abitanti del mantovano.
Iscrizioni ore 15.30    -    Iscrizioni ore 17

IMG 20210630 120121 low new

Domenica 11 dicembre, ore 15.00 e ore 17.00
Intrecci di lana
(per bambini dai 4 anni, volendo accompagnati)
Fin dalla preistoria l'uomo ha imparato ad usare la tecnica dell'intreccio usando materiali diversi per realizzare molteplici oggetti d'uso quotidiano. Mettiamo alla prova la nostra abilità per creare un piccolo portafortuna di lana colorata, utilizzando questo antico metodo.
Iscrizioni ore 15.00    -    Iscrizioni ore 17.00

21628 MN Pisanello 4a low

Domenica 18 dicembre, ore 15.30
Pisanello. Un pittore da favola 
(per bambini dai 6 ai 12 anni, volendo accompagnati)
Un percorso per il pubblico più piccolo che porterà a osservare i cavalieri raffigurati dal pittore nelle pareti della sala a lui dedicata e a imitarne il coraggio e le virtù. Prendendo spunto dalle medaglie esposte in mostra, sarà proposta un’attività laboratoriale che inviterà a riflettere sui valori cavallereschi e sulla loro rappresentazione tramite questa forma d’arte.
Iscrizioni qui

 

---

 

Mese di Gennaio 2023

 

10 Corredo longobardo

Sabato 7 gennaio, ore 15.00 e 17.00
Oreficeria longobarda
(per bambini dai 6, volendo accompagnati)
Ispirandoci ai tesori della tomba longobarda di bambino scoperta in via Rubens, realizziamo manufatti in lamina metallica decorati con la tecnica dello sbalzo.
Iscrizioni ore 15.00    -   Iscrizioni ore 17.00


00b low

Domenica 8 gennaio, ore 15.30
Pisanello. Un pittore da favola
(per bambini dai 6 ai 12 anni, volendo accompagnati)
Un percorso per il pubblico più piccolo che porterà a osservare i cavalieri raffigurati dal pittore nelle pareti della sala a lui dedicata e a imitarne il coraggio e le virtù. Prendendo spunto dalle medaglie esposte in mostra, sarà proposta un’attività laboratoriale che inviterà a riflettere sui valori cavallereschi e sulla loro rappresentazione tramite questa forma d’arte.
Iscrizioni qui


cammeo low

Domenica 8 gennaio, ore 15.30 e 17.00
Divine presenze
(per adulti e famiglie)
Il percorso tematico presenterà un focus sulle rappresentazioni delle divinità antiche esposte al Museo Archeologico. Queste testimonianze permettono di approfondire aspetti legati alle immagini degli dei e al loro culto, offrendo uno spaccato della Mantova al tempo dei Romani.
Iscrizioni ore 15.30    -    Iscrizioni ore 17

Leggi tutto...
04/11/22

6 novembre domenica gratuita al museo

Come tutte le prime domeniche del mese, il 6 novembre 2022 si potrà entrare gratuitamente in tutti i musei statali italiani. Palazzo Ducale e Museo Archeologico Nazionale di Mantova vi aspettano nei consueti orari di apertura! Come ormai prassi, vi raccomandiamo la prenotazione per la Camera degli Sposi (al costo di € 1) e - vista l'ampia affluenza prevista - di privilegiare le prime ore del mattino per evitare lunghe code con i relativi disagi.

Sono previste visite guidate con partenza a orario fisso nelle seguenti fasce: ore 10.10, 10.40, 11.10, 12.10, 15.10, 15.40, 16.10. Le visite delle ore 10.40 e 15.40 dedicano particolare attenzione alla mostra “Pisanello. Il tumulto del modo”. Costo al pubblico € 8,00 a persona.

Vi ricordiamo infine che la mostra "Pisanello. Il tumulto del mondo" è visitabile con entrambe le tipologie di biglietto, sia con Camera degli Sposi che senza.
A presto!

Leggi tutto...
24/10/22

Pisanello. Un pittore da favola

In relazione alla mostra in corso presso il Palazzo Ducale, i Servizi Educativi del museo propongono un percorso didattico per i più piccoli che porterà a osservare i cavalieri raffigurati dal pittore e a imitarne il coraggio e le virtù. I partecipanti si caleranno nei panni dei cavalieri che si sfidano nel torneo, mettendo in luce le loro qualità.

L’attività laboratoriale prenderà spunto dalle medaglie esposte in mostra e inviterà a riflettere sui valori cavallereschi e sulla loro rappresentazione.

Come iscriversi:
Venerdì 28 ottobre ore 20.30. Costo per persona o bambino € 5 (biglietto didattica)
Ritrovo nelle adiacenze della biglietteria
Per prenotare compilare il modulo qui

 

Leggi tutto...
24/10/22

Halloween in museo!

Palazzo Ducale invita le famiglie a un'attività didattica riservata ai più piccoli nella giornata di sabato 29 ottobre alle ore 15 o alle 17. 

Nell'antica Grecia c'era un fantasma terrorizzava tutti quelli che entravano nella sua casa: ha spaventato tutti gli abitanti per lungo tempo ma per fortuna è giunto un coraggioso filosofo e... vuoi saperne di più? Iscriviti all'attività didattica del Museo Archeologico Nazionale di Mantova, un momento divertente con "dolcetto o scherzetto" per festeggiare l'imminente notte di Halloween!

Come iscriversi:
Prenotazione obbligatoria, con ritrovo presso la biglietteria di piazza Sordello sotto i portici, dieci minuti prima dell'inizio dell'evento. Costo per persona o bambino €5 (biglietto didattica) e due diversi orari, alle 15 o alle 17. Per prenotarsi, cliccare una delle opzioni qui sotto:
Halloween al museo - sabato 29 ottobre ore 15
Halloween al museo - sabato 29 ottobre ore 17

Leggi tutto...
18/10/22

Nuovi totem esterni

Grazie alla collaborazione di CNS (Consorzio Nazionale Servizi, Bologna) e della società cooperativa Formula Servizi (Forlì), la segnaletica informativa di Palazzo Ducale di Mantova si arricchisce di un nuovo sistema di moderni e robusti totem retroilluminati, che accompagneranno i visitatori in un percorso lungo le due principali piazze del centro storico della città. D’ora in poi chi passeggia in piazza Sordello e piazza Castello, rispettivamente l’uscita e l’accesso al museo del complesso gonzaghesco, avrà la possibilità di approfondire il contesto monumentale grazie a informazioni storico-artistiche in doppia lingua (italiano e inglese). L’illuminazione dei totem consente una comoda lettura anche negli orari notturni, attraverso un gradevole “effetto lanterna”. Si tratta di un modo per arricchire l’esperienza di visita dei turisti lungo un percorso pubblico e accessibile a tutti, con il corredo di efficaci illustrazioni realizzate dal disegnatore mantovano Guglielmo Calciolari. I nuovi quattro totem sostituiscono i precedenti considerati obsoleti.

Palazzo Ducale di Mantova è un luogo monumentale di straordinaria estensione e complessità, 35.000 mq tra sale, giardini, opere d’arte e decorazioni che attraversano oltre sette secoli di storia. Raccontare e trasferire nel tempo di una visita tutto questo caleidoscopio di personaggi, vicende e architetture è un compito non semplice: tuttavia il pubblico che affolla le sale del museo costituisce da sempre la miglior testimonianza dell’attualità del suo racconto.

In quanto vera e propria “cittadella”, il complesso gonzaghesco non può essere compreso ponendo una soglia netta tra esterno e interno. I numerosi giardini, gli splendidi cortili, le ariose piazze e il rapporto con il lungolago sono tutti elementi che costruiscono l’identità urbana di Palazzo Ducale. Con questi nuovi totem speriamo di fornire uno strumento per incuriosire il pubblico e raccontare il palazzo quale realmente è, ovvero un “brano di città” da vivere quotidianamente, passeggiando, anche senza entrare nelle sue sale.

Leggi tutto...
18/10/22

Una visita guidata speciale su Pisanello

Nei suoi primi dieci giorni di apertura la mostra "Pisanello. Il tumulto del mondo" è stata visitata da oltre 10.000 persone. Per chi non ha ancora avuto il piacere di visitarla, in occasione dell'apertura serale straordinaria di Palazzo Ducale fissata per venerdì 21 ottobre, i funzionari storico dell'arte Giulia Marocchi e restauratore Daniela Marzia Mazzaglia condurranno una visita guidata con partenza alle ore 20.30.

Si tratta di un'occasione speciale per non perdersi neppure un dettaglio del celebre ciclo cavalleresco e delle vicende dietro la sua scoperta. Saranno infatti proposte alcune riflessioni in merito all'iconografia e alla cronologia dell'impresa pisanelliana e, anche attraverso le fotografie custodite nell'archivio del Museo di Palazzo Ducale, sarà affrontato il tema dello strappo dei dipinti murali, la complessa tecnica che permise negli anni Sessanta del secolo scorso di asportare gli strati decorativi otto e settecenteschi fino a ritrovare l'opera - che si credeva perduta - del grande maestro dell'arte tardogotica. Il processo di strappo fu portato avanti sino a coinvolgere il ciclo cavalleresco stesso e le sinopie - ovvero i disegni "preparatori" - al di sotto dell'opera.

La visita guidata è gratuita previa acquisto del biglietto d'ingresso al museo (€9). Iscrizioni obbligatorie fino ad esaurimento posti.
Per prenotarsi compilare il modulo qui.

Ricordiamo che Palazzo Ducale rimarrà aperto con orario continuato dalle ore 8.15 fino alle 22.15 (ultimo ingresso ore 21.20).

Allestimenti Pisanello Anteprima Vincenzo Bruno 5000 px 24 low

(ph. Vincenzo Bruno per Electa)

Leggi tutto...
04/10/22

Le nuove acquisizioni del Ducale in un libro

Sabato 8 ottobre ore 17.30 - Atrio degli Arcieri (ingresso da piazza Lega Lombarda)
Incontro di presentazione del volume "Catalogo delle nuove acquisizioni 2012-2022"
con Paolo Bertelli, Graziano Mangoni, Stefano L'Occaso, Michela Zurla

---

Un museo cresce non soltanto aumentando i propri servizi, allargando il numero dei suoi visitatori, ampliando e modernizzando le proprie sezioni espositive o adeguando la sua comunicazione alle nuove tecnologie. Il cuore di queste istituzioni sono comunque sempre le collezioni, la cui tutela e crescita è aspetto di fondamentale importanza. Per raccontare al grande pubblico le strategie messe in campo dalle diverse direzioni che si sono avvicendate alla gestione di Palazzo Ducale negli ultimi dieci anni, grazie al supporto della Società per il Palazzo Ducale e a un finanziamento del Ministero della Cultura (Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali), esce per i tipi di Sometti il “Catalogo delle nuove acquisizioni 2012-2022” a cura di Stefano L’Occaso e Michela Zurla, che include testi critici di Renata Casarin ed Elena Montanari.

Il libro, che sarà presentato in occasione della XIX giornata FIDAM 2022 (Federazione Italiana Amici dei Musei), illustra le donazioni e gli acquisti del Museo di Palazzo Ducale nell’ultimo decennio. Dipinti, arazzi, reperti e disegni che raccontano il legame del Museo con il suo pubblico, con la cittadinanza, con gli amanti dell’arte. Gli estremi temporali del volume intersecano anche il fondamentale passaggio del 2015, quando Palazzo Ducale di Mantova è diventato museo autonomo e separato dalla Soprintendenza. Un museo quindi dedito alla ricerca, alla valorizzazione delle collezioni e al loro incremento. Sono catalogate ben 49 opere, dal medioevo alla contemporaneità.

L’appuntamento è per sabato 8 ottobre presso l’Atrio degli Arcieri (ingresso da piazza Lega Lombarda) alle ore 17.30: un incontro di presentazione del volume a ingresso gratuito durante il quale interverranno Graziano Mangoni (Presidente della Società per il Palazzo Ducale), Michela Zurla (Funzionario Storico dell’Arte di Palazzo Ducale), Paolo Bertelli (Storico dell’Arte) e Stefano L’Occaso (Direttore di Palazzo Ducale di Mantova).

Saranno esposti per l’occasione due dipinti di recente acquisizione e sinora mai mostrati al pubblico: due quadri della cerchia di Frans Pourbus raffiguranti i ritratti di Vincenzo I Gonzaga e di sua moglie Eleonora de’ Medici.

Nella stesso pomeriggio di sabato 8 ottobre, per celebrare la XIX giornata FIDAM, dalle ore 15 alle 17, sarà aperto in via straordinaria e gratuita il Giardino dei Semplici di Palazzo Ducale. L’apertura è resa possibile dal prezioso contributo volontario dei soci della Società per il Palazzo Ducale.

Leggi tutto...
04/10/22

Ultimi giorni per l'ippopotamo

L'ippopotamo prestato per sei mesi dal Museo Kosmos di Pavia sarà visibile al pubblico a Mantova fino al 9 ottobre 2022. Si tratta dell'esemplare, di sesso femminile, cacciato da Federico Zerenghi nel 1600 e di lì a pochi anni acquistato dai Gonzaga, quand'era oramai morto e trattato per la conservazione (ossia “tassidermizzato”). I signori di Mantova misero sull'animale la mummia di Rinaldo Bonacolsi, detto Passerino, spodestato e ucciso nel lontano 1328. Questo bizzarro allestimento un po’ zoologico – Passerino a cavallo dell’ippopotamo – è documentato agli inizi del Seicento, poi la mummia pare sia stata buttata nel lago intorno al 1700, ma la galleria delle Metamorfosi nel 1707 era ancora detta «del Cavallo» (ossia il cavallo marino: l’ippopotamo) e solo negli anni settanta del Settecento l’ippopotamo uscì dal Palazzo, per giungere in Accademia e di lì a poco, nel 1783, al Museo di Pavia. Nel viaggio da una città all’altra, l’animale fu sostanzialmente privato del suo significato allegorico e si fece, da reperto storico e simbolico, semplice oggetto di interesse naturalistico.

Questo incredibile reperto – forse la tassidermia di mammifero più antica esistente al mondo – sta per lasciare Mantova e tornare a Pavia. È visibile fino a domenica 9 nella galleria delle Metamorfosi.

La storia che è dietro l'ippopotamo è appassionante come quella di un dipinto di Caravaggio e recenti studi ne hanno rivelato il fascino e i dettagli: tanto un recente libro di Marco Venturelli, quanto il saggio dedicato all'animale da Jessica Maffei, Paolo Guaschi, Stefano Maretti ed Edoardo Razzetti, nel catalogo Naturalia e mirabilia. Scienze alla corte dei Gonzaga, a cura del Palazzo Ducale di Mantova. A Mantova, la sua presenza si ammanta di mistero, di simboli e di riferimenti letterari. Basti pensare che la galleria delle Metamorfosi accoglieva l'ippopotamo e cinque coccodrilli, forse con riferimento a Plinio, il quale afferma (Naturalis Historia, VIII, 96) di aver personalmente visto un ippopotamo e cinque coccodrilli – una coincidenza? – nei giochi venatori promossi da Marco Emilio Scauro nel 58 a.C. a Roma, in un euripo temporaneo.

La mostra Naturalia e mirabilia è stata visitata, dalla data della sua apertura, da oltre 130.000 visitatori. Dopo il 9 ottobre la sezione della Wunderkammer chiuderà per lavori di sistemazione dell’allestimento, per riaprire al più presto.

Leggi tutto...
02/10/22

Testimonianze: intervista a Sergio Paccagnini

Una scoperta straordinaria
Sergio Paccagnini è figlio di Giovanni Paccagnini, il Soprintendente che ha riportato alla luce dopo secoli di oblìo il ciclo arturiano di Pisanello. Quando suo padre lavorava a Mantova lui era solo un ragazzo ma ricorda ancora molti dettagli di quell’impresa incredibile. Nell’occasione della mostra “Pisanello. Il tumulto del mondo” non potevamo farci sfuggire l’occasione di intervistarlo, per ripercorrere con lui i tratti salienti dell’incredibile impresa di suo padre risalente ormai a oltre cinquant’anni fa.

---

Gentile Sergio, innanzitutto buongiorno e grazie per averci concesso quest'intervista. Il ritrovamento del ciclo cavalleresco di Pisanello a Palazzo Ducale di Mantova è – a detta di molti – una delle più importanti scoperte della storia dell’arte italiana nel secondo dopoguerra. Quando Suo padre lavorava per riportare alla luce quest’opera che si credeva perduta, Lei quanti anni aveva e cosa ricorda di quel periodo?

[Sergio Paccagnini] "Una delle più grandi scoperte, non solo del secondo dopoguerra. Ai suoi tempi Pisanello, dopo la morte di Gentile da Fabriano (1427), era infatti considerato il maggior pittore italiano. Dopo il successo della grandiosa e irripetibile mostra di Andrea Mantegna del 1961 – con 200 opere esposte di cui 50 del solo Mantegna, circa 250.000 visitatori nei soli due mesi di esposizione e 20.000 copie del catalogo vendute – mio padre ottenne l’incarico di Soprintendente a Venezia, ma mentre stava già organizzando il trasferimento nella nuova sede (tra il 1962 e il ’63) scoprì nel Palazzo Ducale le prime tracce del ciclo del Pisanello, sacrificando così un prestigioso avanzamento di carriera a quell’impresa. Io allora avevo 15 anni e non avevo fatto in tempo a frequentare la quinta ginnasio a Venezia che dovetti subito tornare a Mantova, assolutamente inconsapevole di cosa era successo. Poi mia madre mi spiegò tutto e così mi sono subito appassionato a quell’emozionante vicenda, cercando di seguirne, sempre attraverso i racconti di mia madre, le varie fasi."

L’operazione che il Soprintendente Paccagnini ha condotto su quella che allora si chiamava “Sala dei Principi” per svelare il ciclo di Pisanello fu assai impegnativa. Ci voleva certamente una buona dose di coraggio per intraprendere un lavoro che si preannunciava rischioso. Suo padre parlava in famiglia delle ricerche che stava conducendo? Ricorda qualche questione in particolare che lo tormentava?

[S.P.] "Mio padre era riservatissimo e quello che ho appreso è stato come ho detto grazie a mia madre che nei miei rari soggiorni mantovani di quegli anni (dal 1966 frequentavo l’Università a Firenze) mi teneva al corrente di tutto. L’audacia e il coraggio certo non mancavano a mio padre. I rischi c’erano ma erano calcolati in base all’esperienza maturata nelle precedenti campagne di strappi e di restauri eseguiti a Mantova, Verona e Cremona. Certo qui si trattava di sperimentare per la prima volta strappi di dimensioni gigantesche, ma la squadra di Coffani era di prim’ordine così come quella di Nonfarmale, che si occupò in seguito dei restauri, anche se va detto che il lavoro maggiore toccò allo stesso Coffani. Il tormento maggiore di mio padre credo fosse derivato dalle lungaggini burocratiche ministeriali che per circa due anni gli impedirono di iniziare le operazioni di recupero del ciclo pisanelliano."

Quale fu la reazione della politica alla grande scoperta? E il mondo accademico?

[S.P.] "Della politica non saprei dire. Chiaro che negli organi ministeriali quell’eccezionale ritrovamento (sommato all’irripetibile mostra del Mantegna del 1961 che portò per la prima volta a Mantova il turismo di massa) ebbe il giusto riconoscimento. All’onorificenza di cavaliere dell’Ordine al Merito, assegnata a mio padre nel 1962 dal Presidente della Repubblica in seguito all’enorme successo della mostra del Mantegna, si aggiunse la medaglia d’oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell’arte concessa nel 1973, sempre dal Presidente, in seguito alla scoperta degli affreschi del Pisanello. I grandi meriti di mio padre sono stati ovviamente riconosciuti anche dalla città di Mantova che gli ha dedicato una targa posta nella sala del Pisanello e una piazza (l’ex-Piazza Paradiso dove abbiamo abitato per più di vent’anni). Riguardo al mondo accademico il ritrovamento del ciclo del Pisanello fu accolto trionfalmente, anche se per alcuni si trattò di “un pugno nello stomaco”. La scuola longhiana, che aveva e ha tuttora numerosi proseliti, considerava infatti Pisanello un “ritardatario”, un pittore non degno di stare accanto ai grandi del primo Rinascimento. La scoperta di Mantova in un certo senso rivoluzionava schemi già consolidati e da qui ha preso il via il tentativo, non so se consapevole o quanto consapevole, di retrodatare il ciclo cavalleresco del Pisanello che mio padre e quasi tutti i più grandi studiosi di allora avevano giudicato un’opera della maturità, ma che evidentemente per qualcuno era scomodo collocare in una data così avanzata. Ancora oggi va per la maggiore una datazione del ciclo agli anni 1430-33, anteriore cioè di 10-15 anni rispetto a quando il ciclo fu verosimilmente eseguito. Credo che a tutt’oggi la monografia di mio padre sul Pisanello sia un caposaldo critico con cui gli storici dell’arte devono fare ancora i conti nonostante sia ormai vecchia di cinquant’anni."

L’imminente mostra di Palazzo Ducale “Pisanello. Il tumulto del mondo” intende rendere omaggio alla grande esposizione del 1972 con la quale Suo padre rendeva pubblico il lungo lavoro di studio e restauro del ciclo. Oggi, a cinquant’anni da quella scoperta, possiamo trarre un bilancio di quell’esperienza? In quale direzione, se secondo Lei ce n’è una, occorre ancora lavorare per meglio comprendere quest’opera così ambiziosa e incompiuta?

[S.P.] "In realtà dalla scoperta sono passati quasi sessant’anni nonostante mi sembri ieri tanto il ricordo della fantastica avventura di mio padre sia in me ancora così vivo. Il bilancio è senza dubbio positivo. Già tre grandi mostre (e una notevole serie di studi accessori) sono state dedicate a Pisanello in questi cinquant’anni (Parigi e Verona 1996, Londra 2001) e ora se ne apre un’altra che celebra la grande mostra mantovana del 1972 organizzata da mio padre e porta nuovamente Mantova al centro dell’attenzione. Ne approfitto per ringraziare il Direttore del Palazzo Ducale Stefano L’Occaso che tra gli altri meriti è riuscito a riportare in Italia dopo 160 anni (anche se solo per tre mesi) una delle poche tavole superstiti del Pisanello oltre che l’unica firmata dal pittore : la celebre “Madonna col Bambino e i santi Giorgio e Antonio Abate” attualmente conservata presso La National Gallery di Londra. Si tratta molto probabilmente di una delle ultime opere pittoriche del Pisanello e spero che la sua presenza nella mostra sia utile per riportare anche i murali di Palazzo Ducale a una corretta datazione, dato che non sono pochi i punti di contatto che quella tavola stabilisce con alcuni particolari del ciclo pisanelliano di Mantova. Riguardo a quanto ci sarebbe da fare non mi pronuncio. Sugli aspetti relativi alla fruizione da parte del pubblico e alla conservazione dell’opera mi sembra che L’Occaso abbia fatto un ottimo lavoro. L’illuminazione della sala basata su una tecnologia avanzata che salvaguardia le pitture e la nuova pavimentazione che riporta l’osservatore al livello originario dell’antico pavimento, restituendogli una corretta visione degli affreschi, sono intuizioni e realizzazioni che vanno a suo esclusivo merito. Per il resto, come ho già detto, spero si risolva definitivamente il problema della datazione del ciclo mentre per quanto riguarda l’iconografia la semplificazione in “Storie di Bohort” mi sembra troppo riduttiva. Si è infatti immaginato di leggere nelle parti mancanti la prosecuzione e la conclusione di un singolo episodio del Lancelot rappresentato da Pisanello nelle sinopie. Il collegamento dell’eroe arturiano Bohort (Borso) con la dinastia dei Gonzaga non so in effetti quanto sia sostenibile. Anche se i Gonzaga erano appassionati lettori di quei romanzi non hanno dato nomi arturiani ai loro eredi come hanno fatto invece i Visconti, gli Sforza, gli Este e i Malatesta, cioè le altre signorie padane dove tra il Trecento e il Quattrocento si respirava lo stesso clima cavalleresco. L’ipotesi sostenuta da mio padre che Pisanello avesse elaborato episodi diversi tratti dai romanzi arturiani e che certamente tra quelli vi fosse anche un riferimento alla ricerca del Santo Graal mi sembra corretta anche perché in una rappresentazione celebrativa del casato dei Gonzaga, da sempre legati al culto del sangue di Cristo, quel riferimento non poteva certo mancare."

Leggi tutto...
29/09/22

Visite guidate e aperture extra ottobre 2022

VISITE GUIDATE

Con l’apertura della mostra “Pisanello. Il tumulto del mondodal 7 ottobre 2002, Palazzo Ducale - in collaborazione con CoopCulture e le guide turistiche del territorio mantovano - amplia e varia l'offerta delle sue visite guidate con partenza a orario fisso:

  • Ogni sabato e domenica visita guidata a Palazzo Ducale con Camera degli Sposi alle ore 10.10, 11.10, 15.10, 16.10; durata 1 ora e 30 minuti, costo al pubblico € 8,00 a persona (biglietto di ingresso €15)
  • Ogni sabato e domenica visita guidata con focus mostra “Pisanello. Il tumulto del modo” alle ore 10.40 e 15.40, durata 1 ora e 30 minuti, costo al pubblico € 8,00 a persona (biglietto di ingresso €9)
  • Prima domenica del mese, 2 ottobre 2022, partenze fisse: ore 10.10, 11.10, 12.10, 15.10, 16.10.
  • Martedì 1° novembre visita guidata a Palazzo Ducale con Camera degli Sposi alle ore 10.10, 11.10, 15.10, 16.10, visita guidata con focus mostra “Pisanello. Il tumulto del modo” alle ore 10.40, 15.40.

APERTURE STRAORIDNARIE SERALI

Il Museo di Palazzo Ducale e il Museo Archeologico Nazionale saranno eccezionalmente aperti nelle serate di giovedì 6 ottobre e venerdì 14, 21 e 28 ottobre e sabato 29 ottobre 2022, fino alle ore 22.15 (ultimo ingresso ore 21.20). Venerdì 28 ottobre ore 19.20 visita guidata con focus mostra “Pisanello. Il tumulto del modo”, costo al pubblico € 8,00 a persona (biglietto di ingresso €9). Sabato 29 ottobre nelle fasce orarie dalle 18.40 alle 21.20 sarà visitabile la Camera degli Sposi, la mostra “Pisanello. Il tumulto del modo” e il Museo Archeologico Nazionale con biglietto d'ingresso di € 9.

APERTURE STRAORDINARIE LUNEDÌ

Lunedì 31 ottobre 2022 apertura straordinaria dalle ore 9:45 alle ore 17:45 (ultimo ingresso 16:45) con il seguente percorso: Castello con Camera degli Sposi, mostra "Pisanello. Il tumulto del mondo" e Museo Archeologico Nazionale, con biglietto di ingresso ridotto di € 9.00. 

-------------------------------------------------------------

Si avvisa che per tutta la durata della mostra, dal 7 ottobre 2022 all’8 gennaio 2023, i costi dei servizi di visita guidata per scuole o gruppi privati in italiano o lingue straniere, sono rimodulati secondo le seguenti tariffe:

Visita guidata scuole in italiano - €85 a gruppo

Visita guidata gruppo italiano - €130 a gruppo

Visita guidata gruppo o scuola in lingua straniera - €150 a gruppo

I gruppi sono composti da 25 persone, prenotazioni via call center 041 2411897.

 

Leggi tutto...
29/09/22

Visite e aperture extra novembre

VISITE GUIDATE

Con l’apertura della mostra “Pisanello. Il tumulto del mondo”, Palazzo Ducale - in collaborazione con CoopCulture e le guide turistiche del territorio mantovano - amplia e varia l'offerta delle sue visite guidate con partenza a orario fisso:

  • ogni sabato e domenica visita guidata a Palazzo Ducale con Camera degli Sposi alle ore 10.10, 10.40, 11.10, 15.10, 15.40. Le partenze delle ore 10.40 e 15.40 dedicano particolare attenzione alla mostra “Pisanello. Il tumulto del modo”. Costo al pubblico € 8,00 a persona (biglietto di ingresso €15).
  • prima domenica del mese (ingresso gratuito), 6 novembre 2022, partenze fisse: ore 10.10, 10.40, 11.10, 12.10, 15.10, 15.40, 16.10. Le partenze delle ore 10.40 e 15.40 dedicano particolare attenzione alla mostra “Pisanello. Il tumulto del modo”. Costo al pubblico € 8,00 a persona.
  • martedì 1° novembre visita guidata a Palazzo Ducale con Camera degli Sposi alle ore 10.10, 11.10, 15.10, 16.10, visita guidata con focus mostra “Pisanello. Il tumulto del modo” alle ore 10.40, 15.40. Costo al pubblico € 8,00 a persona (biglietto di ingresso €15)

----------------------------------------------------------------

Le visite guidate si prenotano via call center 041 2411897.

 

 

Leggi tutto...
29/09/22

Visite e aperture extra dicembre

VISITE GUIDATE

Con l’apertura della mostra “Pisanello. Il tumulto del mondo”, Palazzo Ducale - in collaborazione con CoopCulture e le guide turistiche del territorio mantovano - amplia e varia l'offerta delle sue visite guidate con partenza a orario fisso:

- ogni sabato e domenica visita guidata a Palazzo Ducale con Camera degli Sposi alle ore 10.10, 10.40, 11.10, 15.10,15.40 (le partenze delle ore 10.40 e 15.40 dedicano particolare attenzione alla mostra “Pisanello. Il tumulto del modo”).
- prima domenica del mese 4 dicembre 2022 (ingresso gratuito) visita guidata a Palazzo Ducale con Camera degli Sposi alle ore 10.10, 10.40, 11.10, 12, 15.10, 16 (le partenze delle ore 10.40 e 16 dedicano particolare attenzione alla mostra “Pisanello. Il tumulto del modo”).

- giovedì 8 dicembre 2022 (festivo): 10.10, 10.40, 11.10, 15.10, 15.40
- venerdì 9 dicembre 2022 11.20 e 15.10
- sabato 24 dicembre 2022: 10.10, 10.40, 11.10
- sabato 31 dicembre 2022: 10.10, 10.40, 11.10
- venerdì 6 gennaio 2023 (festivo): 10.10, 10.40, 11.10, 15.10, 15.40
- sabato 7 gennaio 2023: 10.10, 10.40, 11.10, 15.10, 15.40
- domenica 8 gennaio 2023 (ultimo giorno di apertura della mostra Pisanello): 10.10, 10.40, 11.10, 15.10, 15.40
Le partenze delle ore 10.40 e 15.40 dedicano particolare attenzione alla mostra “Pisanello. Il tumulto del modo”.

Costo del servizio guida € 8,00 a persona (biglietto di ingresso €15).

----------------------------------------------------------------

Per prenotare le visite guidate: 041 2411897 (call center)

 

 

Leggi tutto...
29/09/22

Chiusure e deviazioni del traffico

Informiamo il gentile pubblico che nella giornata di domenica 2 ottobre 2022 dalle ore 9.00 alle ore 12.00 si svolgerà la gara podistica competitiva “Mantova Half Marathon 2022” pertanto per il tempo di durata della gara il traffico ordinario subirà deviazioni e saranno vietati il transito e la sosta in alcune vie cittadine.

Tutte le informzioni nel dettaglio sul sito del Comune di Mantova

Cogliamo l'occasione per ricordare che il Museo di Palazzo Ducale aderisce all'iniziativa #domenicalmuseo che prevede l'ingresso gratuito alla prima domenica del mese: è possibile prenotare l'ingresso alla Camera degli Sposi, fissando l'orario di visita, al prezzo di solo 1 euro via web www.ducalemantova.org o call center 041 2411897. Sarà inoltre attivo il servizio di visita guidata con partenze ad orario fisso al costo di € 6 a persona nelle seguenti fasce orarie: ore 10.10, 11.10, 12.10, 15.10 e 16.10 (prenotazione tramite call center 041 2411897).

Il Museo Archeologico Nazionale sarà aperto dalle ore 14.00 alle 19.15.

 

Leggi tutto...

CercaInformazioni disabiliCalendarioBiglietti