21/04/21

La Camera degli Sposi si fa bella

La Camera degli Sposi è un capolavoro unico nella storia dell’arte, sintesi dei principi del Rinascimento ed espressione di uno dei punti più alti della cultura figurativa europea. Un’opera di tale prestigio – che attira turisti, appassionati e studiosi da tutto il mondo – merita un trattamento speciale.

Negli ultimi decenni gli interventi di monitoraggio e manutenzione sono stati portati avanti con discreta regolarità e rappresentano un impegno preciso e costante da parte del MiC e della Direzione di Palazzo Ducale. Dopo i lavori di restauro realizzati all’indomani del terremoto del maggio 2012, tra il 2014 e il 2015 si è intervenuti con il consolidamento dell’interno della canna fumaria del camino. Il complesso impianto di trattamento dell’aria, che mira a evitare la formazione di condensa sulle superfici pittoriche e si autoregola rispetto alle diverse situazioni climatiche stagionali, è stato realizzato nel 2006.

All’elenco di questi interventi si aggiunge una piccola ma importante attività di monitoraggio effettuata l’ultima volta nel 2013 e attualmente riavviata. Con questi lavori si vuole mettere a regime un piano a cadenza triennale per garantire una conservazione il più possibile accurata e meno invasiva del capolavoro di Mantegna affinché sia tramandato ai posteri nella sua massima integrità. Un momento di cura e prevenzione utile a verificare lo stato degli intonaci e effettuare una pulitura delle superfici. Le opere sono state affidate al Consorzio Arké di Roma e si prevedono concluse intorno al 30 aprile.

“I dipinti di Andrea Mantegna che decorano volta e pareti della Camera degli Sposi – afferma la restauratrice Chiara Ceriotti, Direttore tecnico di Arké – saranno oggetto di un intervento di mappatura dello stato di conservazione e di una accurata manutenzione. Le superfici saranno ispezionate e spolverate documentandone le eventuali criticità conservative che saranno di seguito affrontate e di nuovo indicate graficamente. L’intervento sarà corredato anche da una puntuale documentazione fotografica ed una relazione finale.”

DSC 0203 m low

DSC 0205 m low

DSC 0213 m low

IMG 20210415 WA0009 low

Leggi tutto...
19/04/21

"La città nascosta" (The hidden city), section 1

1. Introduction

“The hidden city. Urban archaeology in Mantua”, a new exhibition by Palazzo Ducale and Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Cremona, Lodi e Mantova, presents the result of the latest archaeological excavations which have been led in town.
New discoveries never cease to amaze us, rewriting the history of Mantua. Part of the most ancient settlement, until now, within the city boundaries, came to light in the site of Gradaro - Fiera Catena. The village dates back to the final Bronze Age, centuries before the arrival of Etruscan people.
In the heart of old town, the archaeological excavation in via Rubens - Case dei Canonici was a journey through time, from Renaissance to the age of the Lombards, from Roman Mantua to the Etruscan era, when houses and a pottery workshop were here.

2. Search for the hidden city

A city is a living organism that exists in the present and undergoes seamless transformation. New buildings, drainage systems, aqueducts and electric lines, are works that change a city and are essential needs for the community which lives in it.
At the same time, a city is the result of thousands of years of human history, and its origin lies beneath the ground.
Urban archaeology has the purpose of unearthing the buried faces of a city. We can still admire the beautiful monuments of Mantua, dating back to the Middle Ages and Renaissance. But there is also an invisible Mantua, once inhabited by the Langobards, the Romans and the Etruscans: more than 2500 years of city life, just beneath our feet.

3. The job of an archaeologist

Archaeologists play a central role in the preservation of cultural heritage, by monitoring every excavation both in historical cities and rural areas. They are not treasure-hunters: they observe and recognise ancient remains when put into light, collect all meaningful artefacts (pottery, metal objects, human remains…) and record their exact location within the site.
Precise data recovery is a crucial activity in archaeology. In the past, when archaeological excavations were carried out without scientific methods, many ancient sites were heavily damaged, and our knowledge about them is hopelessly flawed.
In a few cases, luckily, some of the artefacts have been recovered. In 1910, for instance, a Greek vase with red figures was found in via Massari, within the historical center of Mantua.
The vase was possibly placed in an Etruscan tomb - we don’t know if it was the grave of a man or a woman - along with other grave goods. We don’t have neither a plan nor a picture.
Nowadays, thanks to up-to-date fieldwork methods, we can obtain detailed information from the archaeological files, recording fundamental data for future research.

Leggi tutto...
19/04/21

"La città nascosta" (The hidden city), section 2

4. The long history of Gradaro

Comune di Mantova started the Mantova Hub project in 2016, in order to redevelop the Gradaro district and bring back functionally to what citizen believed to be a degraded area.
Gradaro, southeastern Mantua, has been part of the city since 1401. That year, Francesco Gonzaga the first, fourth Captain of the People, expanded the town boundaries from the Rio canal to a new circle of fortified walls, approximately in via Risorgimento. The area was suited to commercial activities thanks to the nearby river harbour of Catena-Anconetta. Historical documents inform us about a livestock market, wool mills, pottery and brick kilns which have been built there since 1200.
At the same time, during Middle Age religious orders took their place in the district and erected several churches: S. Maria del Gradaro, S. Caterina, S. Nicolò, parish of S. Apollonia, S. Marta e S. Paola.

5. 3000 years ago in Mantua

Until now the oldest traces of habitation in the Mantuan area have dated back to the Etruscan era (5th cent. BC). However, the findings that emerged from the Gradaro excavations have allowed us to backdate origins of the city by about 700 years.
A small portion of a hut-village, near the Mincio River, came to light and might date back to the final Bronze Age (12-10th cent. BC). Prior to this discovery, contemporary findings in the nearby areas were limited to small ceramic fragments without real evidence of housing.
The homes were made of fully biodegradable material so only parts of the foundations were well preserved. The supporting structure was made of wood and the roof of straw or shingles. The walls were probably built with reeds or woven twigs, and were plastered on the outside with dry clay, of which we recovered some fragments.
Two large vases used to preserve foods such as grains or legumes were buried under the floor of one of the huts. It was possible to reconstruct additional containers used for the conservation of foods and drinks by piecing together the collected ceramic fragments.

 

Leggi tutto...
19/04/21

"La città nascosta" (The hidden city), section 3

8. Fiera Catena: a urban area between late Middle Ages and early modern period

It was only in the 15th c. that Fiera Catena saw a phase of urban growth.
The splendour of the town during the Renaissance is marked by the production of incised slip ware or ceramica graffita (which became popular during the 15th c.). It is based on a specific technological innovation which came from the Islamic East: double baking. The first baking session bakes the ceramic shape, covered in fine clay (slip) and decorated with incisions; the second one fixes the paintings and the vitreous coating (glaze) to make the final product waterproof and to give it an elegant, shiny appearance.
Thanks to its proximity to important monasteries and to the Anconetta harbour, the area seems to remain lively even after the 1630 Sack, with the presence of taverns and inns. Their existence is suggested by the discovery of mugs (very similar but different in dimensions) and also by the presence of dice and Turkish-type tobacco pipes, which bear witness to the spread of smoking in Mantua during the 17th century.

9. Incised slipped pottery: a social proxy
Thanks to the Gonzagas’ policy in matter of town planning, Fiera Catena experienced a phase of urban growth on the threshold of the Renaissance.
In fact, the regeneration of this area, as well as that of other parts of Mantua, between the 15th and the 16th c. were possible through specific grants assigned to an ascending bourgeoisie, whose good status can still be observed in numerous examples of incised slipped pottery (ceramica graffita) recovered from the excavation, dating back to the second half of the 15th c. and to the 16th c.

Leggi tutto...
19/04/21

"La città nascosta" (The hidden city), section 4

10. Mantua in the Etruscan era

According to the legend, Ocno, son of the oracle Manto and of the god Tiber, is the mythological founder of Mantua. The city developed and became wealthy especially starting from the beginning of the 4th cent. BC, and preserved its Etruscan cultural identity until Roman conquest. 

The waters of the Mincio River nearly surrounded the residential areas, located between piazza Sordello, via Rubens and piazza Santa Barbara. Homes were made fully in biodegradable material, such as wood and clay and the roofs were made of straw. The necropolis were located outside of the town: indeed, archaeologists found tombs in via Giulio Romano, piazzale Mondadori and corso Vittorio Emanuele. Solid evidence of urban living and workshops emerged from the excavations, nevertheless lots of information about Etruscan Mantua are still to be discovered.

The Via Rubens archaeological excavations dug back into time, down into the layers of the Etruscan settlements. Remains of huts and many other finding came to light.
The city prospered thanks to commerce and long-distance journeys. Some artefacts bear witness to trade relations between Mantua, the Italian peninsula and the Mediterranean sea: fragments of transport amphorae for wine or oil, a piece of a luxurious red figured crater, one skyphos (a deep two-handled wine-cup) painted with spirals, fragments of black-varnish cups made in central Italy or in the Adriatic sea area. Brief inscriptions, incised in the Etruscan alphabet onto the surface of vases, show names of both people and gods.

12. Daily life

For the first time in Mantuan history remains indicating an Etruscan workshop have come to light in via Rubens. This was probably a pottery production site. The archaeologists found vessels which had been damaged during firing (pottery wasters) and kiln furnitures, such as “separators” or “stackers”, clay rings used to separate vessels horizontally or vertically within the loaded kiln. Weaving tools, on the other hand, came from houses: pyramid-shaped or donut-like loom weights, terracotta spools and spindle whorls. This is all evidence of textile crafts, done by women in the household.

13. Roman Age
Archeological surveys from the roman age document the area around piazza Sordello, piazza St. Barbara and via Rubens as a residential area, surrounded by many domus one beside the other and aligned on straight street axis.

Today these surrounding areas are documented by the remains of walls, decorated floors and wall paintings, which bear witness to the inhabitants’ wealthy status. Some brief paved street sections were unearthed in different points of the town, which have allowed us to recreate the layout of the original urban pattern. The entrance to a recently found roman dwelling was probably the street which today corresponds to via Rubens. Unfortunately, later constructions affected ancient structures and, consequently, a perfect reconstruction of the whole map is impossible.

We can, on the other hand, understand the positioning of some domestic spaces which were decorated with fine mosaics with a black border and a white background filled with different patterns, lozenges, little crosses and, in one case, a central figure (émblema) which has been lost. A refined decoration with multicolour leaves can also be admired. Only few traces of these dwellings are left, such as some fragments of wall frescoes; a rather unusual finding is a palmette antefix, which decorated the roof of buildings, placed above the eaves.

 

Ever since antiquity, brick was the most popular material used during construction due to the abundant deposits of clay which can be found in the Pianura Padana. During the roman era there were large facilities dedicated to the production of bricks which were often tied to the farms in the area; we know the trademark of many of these producers because we can find their mark on shingles and bricks. Other marks, on the other hand, were accidental: to dry out before being cooked, the bricks were left outside, often in courtyards, where domestic animals such as cats and dogs or birds would leave their prints on the drying brick. In some cases we can distinctly recognised the pegs present in the soles of shoes, probably belonging to someone who wasn’t paying attention to where they were walking. On others we can see the little footprints of naughty children. In our case a dog seems to have jumped onto the brick leaving paw prints.

Leggi tutto...
19/04/21

"La città nascosta" (The hidden city), section 5

15. The octagonal building in via Rubens

The Canonical Houses of St. Barbara hide significant remains of late ancient Mantua. Archaeological excavations have brought to light thick foundations of a building. Its plan consists of two octagonal rings, one inside the other. It was presumably a baptistery; its purpose in 5th and 6th century AD is, however, still uncertain. It is indubitably a monumental architectural structure. After the latest excavations, researchers hope to answer questions about it which have never been addressed before.

16. 

At the beginning of 7th century, the octagonal building hosted a few tombs, both in the corridor between the walls and in the central area. In the majority of cases archaeologists could only observe looting which had happened in antiquity. In 2012 a sole tomb was found, completely intact and of a great value, orthogonally placed within the walls of the building. Four post-holes, at the edges of the rectangular pit, provide evidence of an ancient wooden structure, which probably looked like a sort of small hut, known as “hut of death”.
This model was widely spread in Lombard necropolis, both in Italy and in Pannonia-area, and certainly bears witness to a privileged burial.
In the via Rubens findings, the funerary hut covered the body of a young boy aged between 3 and 4, according to preliminary analysis conducted on a few teeth and a jawbone fragments, the sole preserved parts of the skeleton.

This young deceased, buried with his head oriented towards the West, was buried with the highest of honours and was equipped with extremely rich and varied grave goods, dating back to the end of the 6th - beginning of the 7th century A.D. On the right side of his head, researchers found a traditional roman-byzantine bronze jug as well as a common pottery cup. Around his neck there was a necklace made of silver wire, enriched with a small silver cross, a golden coin and glass-paste necklace beads. A very rich multiple belt, made with golden items and byzantine style decorations,  was found around his waist, probably fixed by a small silver buckle. Always on his waist there was a small iron dagger, which has recently been studied. The study revealed evidence of a horn handle and a  leather sheath, textiles belonging to clothes, veils and a cloth to wrap the weapon. To complete the grave goods, a small golden cross with no decorations, which would have embellished the small shroud.

17.

After the octagonal building was abandoned, numerous stages of construction characterised via Rubens, from the 9th to 15th century. During the Middle Ages, nine churches were located inside Civitas vetus (old city), according to written records. Two of them lay in what would later become the area of St. Barbara’s Case dei Canonici. The northern church of St. Alessandro stands on the corner of vicolo Ducale. The southern church of Sts. Cosma e Damiano, which was qualified as “extremely ancient” already in 1586, was near via Tazzoli. The latest excavations have revealed very little information about these religious buildings. Archaeologists found two different cemeteries, probably close to the churches. Following Middle Ages funerary rituals, the burials had no grave goods at all. Only one gold Venetian coin, minted between 1361 and 1365, was found. It is a so-called “ducato” (or “zecchino” starting from 15th century).

One gothic architectural fragment, probably from St. Alessandro, might be part of a window and also dates back to 14th century. Remains of ancient buildings, which date from the 11th and 14th century, belonged to wealthy residencies, decorated with fireplaces and indoor and outdoor brick pavements.

 

Leggi tutto...
24/03/21

Dante e il mito delle origini di Mantova

Nel XX Canto dell’Inferno Dante, nel suo viaggio sotto la guida di Virgilio, giunge alla IV Bolgia del VIII Cerchio. Qui si imbatte in una nuova pena, quella “de l’indovini” e “de l’incantatori”, il cui pianto bagna il fondo della fossa lungo la quale essi vagano per l’eternità. Osservando la scena dall’alto, verso il basso dell’avvallamento, Dante racconta di aver visto una schiera di dannati camminare lentamente, come in una processione. Erano in silenzio e piangevano. Abbassando lo sguardo verso le figure più vicine, scorge un dettaglio inquietante che lo fa trasalire: le figure umane sono stravolte e le loro teste sono orribilmente torte all’indietro, in modo tale che essi, mentre camminano in avanti, hanno il viso che guarda nel senso opposto. Dante rimane sconvolto dalla visione e, quando vede le lacrime dei dannati scendere dai volti e bagnare non il petto ma le rispettive schiene, non riesce a trattenere il pianto. Virgilio lo rimprovera, perché egli non deve avere pietà per queste anime scellerate. La guida gli racconta la storia degli indovini che riconosce nella folla dei dannati in lenta processione. Tra questi c’è anche Manto, figlia di Tiresia: la sua storia ha a che fare con le origini mitiche della città in cui nacque Virgilio, ovvero Mantova.

"Manto fu, che cercò per terre molte;
poscia si puose là dove nacqu’ io;
onde un poco mi piace che m’ascolte" (vv. 55-57).

Med. Palat. 75 c. 38r cut low
Giovanni Stradano, Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, Ms. Med.Palat. 75, f. 38r. Su concessione del MiC

La pena che Dante ci descrive è esemplare nella sua ferrea logica di contrappasso: la tracotanza degli indovini è di voler vedere più di ciò che agli uomini è consentito. Tracimare dunque nel territorio del divino. La loro pena è camminare eternamente in avanti senza poter più vedere nemmeno ciò che è sotto i loro passi ma con lo sguardo forzatamente rivolto dalla parte contraria al loro moto. Tra la folla dei dannati Virgilio indica a Dante la figura di Tiresia e della figlia Manto, che girovagò per il mondo e per l’Italia, arrivando infine nel punto in cui il Mincio, nel suo alto corso, incontra un avvallamento, creando una palude. Qui la giovane vide una terra incolta e disabitata che emergeva tra le acque ferme e vi si stabilì per sfuggire ogni contatto umano e coltivare le sue arti magiche coi suoi servi. Alla sua morte, fu seppellita in quel luogo dove fu in seguito costruita una città chiamata Mantova, dal nome dell’indovina. Virgilio, dopo aver accennato alla presa del potere dei Bonacolsi (fatto che accadde quando Dante era fanciullo), conclude dicendo che questa è la vera origine di Mantova.

Il mito della fondazione della città che fu dei Gonzaga è celebrato nei grandi riquadri dipinti nella monumentale Sala di Manto presso l’Appartamento Grande di Castello di Palazzo Ducale, risalenti agli anni settanta del Cinquecento. Le scene, ispirate alla cultura classica, sono in parte coerenti con il racconto dantesco. Secondo quanto dipinto da Lorenzo Costa il Giovane su ideazione di Giovanni Battista Bertani (all’epoca prefetto delle fabbriche gonzaghesche), fu Ocno, figlio di Manto, a fondare la città di Mantova in omaggio alla madre.

Salone di Manto low

Per celebrare la ricorrenza dei settecento anni dalla morte di Dante, Palazzo Ducale ha in programma un progetto espositivo intitolato “Dante e la cultura del Trecento a Mantova”. L’iniziativa, prevista per l’autunno di quest’anno, intende ricostruire la cultura letteraria e figurativa dei primi del Trecento, i decenni che videro al potere i Bonacolsi e successivamente i Gonzaga. Fu una fase di grande importanza per l’affermazione della città di Mantova nel contesto delle signorie nord-italiane. Dante, sempre nel ventesimo canto dell’Inferno, accenna alle vicende politiche dell’epoca che portarono con l’inganno lo spregiudicato Pinamonte Bonacolsi all’apice del potere in città, esiliando con la complicità dei Casalodi, molte delle famiglie a lui avverse.

Ecco i suoi versi:

“Già fuor le genti sue dentro più spesse,
prima che la mattia da Casalodi
da Pinamonte inganno ricevesse” (vv. 94-96).

 

 

Leggi tutto...
17/03/21

Ecco i vincitori del contest fotografico

È stata durissima!

La partecipazione al contest è stata incredibilmente numerosa, ci sono giunte all’incirca 400 immagini, e scegliere tra le vostre foto - quasi tutte bellissime! - è stato davvero difficile.
Ci sono arrivati scatti di tutti i tipi e di ogni grado di qualità fotografica: è stato un grande successo, del quale vi ringraziamo di cuore!

Abbiamo dovuto giocoforza aggrapparci a criteri generali di selezione, ci auguriamo di averli scelti e rispettati con obiettività: se non ritrovate il vostro nome tra i premiati, non preoccupatevi... visto il successo ripeteremo senz'altro l'iniziativa!

E dunque ecco la nostra premiazione...🥁 rullo di tamburi 🥁
...THE WINNER IS...

1° classificato: Moreno Messori
che vince un abbonamento annuale a Palazzo Ducale

01 moreno messori 1

---

2° classificato: Alberto Dall'Oglio
che vince due biglietti di ingresso a Palazzo Ducale

02 alberto dall oglio 1

---

3° classificato: Marco Cocconi
che vince un biglietto di ingresso a Palazzo Ducale

03 Marco Cocconi Contest Ducale

Il podio è occupato da tre classici scatti da cartolina, con lo skyline di Mantova immortalato al tramonto in una luce calda e scenografica. Congratulazioni a tutti!

Premio speciale della giuria:
Giuseppe Gradella
che vince un catalogo della mostra “Con nuova e stravagante maniera. Giulio Romano a Mantova” del 2019.

Premio speciale giuria giuseppe gradella

E se volete scoprire le altre 28 menzioni, ovvero immagini belle o particolarmente originali che abbiamo voluto evidenziare, fatevi un giro sui nostri profili social! Grazie ancora a tutte e a tutti per aver partecipato e... restate pronti per il prossimo contest!

Leggi tutto...
10/03/21

Giornata Nazionale del Paesaggio 2021

Domenica 14 Marzo è la "Giornata Nazionale del Paesaggio"! Cos'è il paesaggio di Mantova?

Con molto orgoglio e un pizzico di presunzione potremmo dire che Palazzo Ducale è il pezzo forte del paesaggio della città! D'altronde, chi di voi non ha mai fotografato - magari verso sera - lo splendido skyline della città da Campo Canoa?

Per l'occasione Palazzo Ducale di Mantova indice un piccolo concorso fotografico: inviaci via social o a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. il tuo scatto preferito della città, il migliore o più originale - a nostro insindacabile giudizio - verrà premiato con un abbonamento annuale a Palazzo Ducale: potrai essere il primo visitatore alla prossima riapertura!​​ 

Affrettati perché il concorso scade alla mezzanotte di domenica 14 marzo...sii creativo e grazie per la tua partecipazione!

DSC 1575 u low

Leggi tutto...
01/03/21

I musei chiudono

La Lombardia torna arancione: Palazzo Ducale e Museo Archeologico Nazionale da lunedì 1° marzo 2021 saranno nuovamente chiusi al pubblico.
Ringraziamo i tanti visitatori che sono venuti a visitarci durante queste settimane di riapertura: è solo un arrivederci, continuate a seguirci sui nostri profili social... a presto!

 

Leggi tutto...
22/02/21

Una nuova stele per il Museo Archeologico

Nella giornata di oggi 22 febbraio 2021 sono stati effettuati alcuni lavori sull'allestimento del Museo Archeologico Nazionale, al piano terra. La stele funeraria di Lucio Sentio, figlio di Caio, della tribù Aniense (cioè originario di Cremona) ha trovato posto accanto a quella di Sentia Maxuma, anche lei figlia di Caio e ipoteticamente sua sorella. Entrambe le epigrafi - di proprietà comunale e conservate presso il Museo Archeologico Nazionale - si datano al I sec. d.C.

Qui sotto i due reperti affiancati nell'allestimento rinnovato:

20210222 164601

 

Leggi tutto...
22/02/21

Avviso ai visitatori

Informiamo i gentili visitatori che mercoledì 24 febbraio nella sola fascia oraria tra le 11:15 e le 13:15 si potranno verificare delle chiusure parziali del percorso di visita per un'assemblea sindacale in corso dalle ore 11.30 alle 13.00. Durante le due ore sarà comunque garantita l'apertura almeno del Castello di San Giorgio (Camera degli Sposi) e del piano terra del Museo Archeologico.

Ci scusiamo per il disagio e vi auguriamo buona visita!

Leggi tutto...
15/02/21

LE NUOVE ACQUISIZIONI: LA MOSTRA

Mercoledì 17 febbraio apre la mostra dedicata alle nuove acquisizioni di Palazzo Ducale di Mantova, allestita al piano terra del Castello di San Giorgio. Ideata da Stefano L’Occaso e Michela Zurla, con la collaborazione di Elena Montanari, l’esposizione illustra una selezione dei pezzi più importanti incamerati in tempi recenti dalle collezioni della reggia, tra cui un capolavoro come l’arazzo raffigurante Venere spiata da un satiro con i puttini, eseguito per Federico II Gonzaga su disegno di Giulio Romano. La visita alla mostra, accompagnata dal personale di Palazzo Ducale, è gratuita previa prenotazione obbligatoria e si effettua ogni mercoledì e giovedì fino all’11 marzo 2021: chiamando allo 0376 352100 sarà possibile riservarsi un posto in una delle tre fasce orarie mattutine (9.30 / 10.30 / 11.30) o pomeridiane (14.30 / 15.30 / 16.30).

DSC 0087 m low

Un museo – può sembrare un paradosso – è un’entità dinamica che si sviluppa nel tempo. Le nuove acquisizioni di Palazzo Ducale, frutto di donazioni ma anche di acquisti da parte dello Stato Italiano, sono state recentemente assai rilevanti sia per numero sia per pregio. Si è ritenuto non solo opportuno ma persino doveroso, dunque, esporle al pubblico in una piccola mostra. Si tratta di opere che migliorano la lettura del racconto storico della città di Mantova e del suo territorio, con un grande capolavoro che celebra una delle epoche più felici della dinastia Gonzaga. L’esposizione si chiude con una selezione di opere d’arte contemporanea.

“La crescita delle collezioni permanenti – sostiene il Direttore di Palazzo Ducale Stefano L’Occaso – è uno degli obiettivi di un museo e non tra gli ultimi. Questa attività può essere perseguita tramite diverse vie. La prima è l’acquisto “in trattativa diretta” da parte del Museo, che dal 2015 gode di un bilancio e può quindi programmare l’incremento delle proprie collezioni. Le opere possono essere antiche o contemporanee – e in questo caso il Museo può agire in qualche misura da committente – e al loro acquisto possono concorrere sia gli organi superiori del Ministero, sia soggetti privati. La seconda modalità con cui le collezioni pubbliche possono crescere è quella della donazione: molti privati hanno deciso nel passato remoto e prossimo di destinare beni di loro proprietà al Palazzo Ducale, a ragione di precisi legami affettivi, in ricordo di un evento o di una persona. Il Palazzo, in quanto principale museo sul territorio, può offrire ampia visibilità alle opere e ai loro donatori. La terza modalità è più complessa, perché si lega ad azioni di tutela. Un’opera di particolare interesse storico artistico in fase di vendita può essere oggetto di prelazione, così come un’opera presentata per l’esportazione. In tal caso, il Museo agisce assieme agli Uffici Esportazione, alle Soprintendenze, agli organi superiori del Ministero, affinché il bene sia destinato alla fruizione pubblica. Esistono ancora altre modalità di acquisizione: i beni culturali possono essere offerti, per esempio, in pagamento delle imposte di successione e delle imposte dirette; questa procedura si svolge in concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze. Infine un bene può essere affidato a un museo per un periodo di tempo determinato tramite il comodato, nel caso in cui il proprietario sia un privato, o il deposito, in caso di enti pubblici. Questa breve esposizione dà conto di tutte queste diverse casistiche, presentando le opere entrate a far parte negli ultimi mesi o anni nelle collezioni di Palazzo Ducale”.

DSC 0104 m low


---

17 febbraio – 11 marzo 2021
Le nuove acquisizioni in Palazzo Ducale
Mantova, Castello di San Giorgio, piano terra
visita gratuita su prenotazione ogni mercoledì e giovedì (tel. 0376 352100)
a cura del personale di Palazzo Ducale.
Orari: 9.30 / 10.30 / 11.30 / 14.30 / 15.30 / 16.30

Ideazione, coordinamento e testi
Stefano L’Occaso, Michela Zurla
con Elena Montanari

Allestimento
Maria Lucia Masciopinto

Responsabile della movimentazione e dei restauri
Daniela Marzia Mazzaglia
con Cristina Garilli e Giuseppe Loreto

Coordinamento tecnico
Fabrizio D’Amato

Grafica e comunicazione
Alessandro Sartori
con Ylenia Apollonio

Visite guidate a cura del personale AFAV

Si ringrazia tutto il personale del Museo e degli uffici di Palazzo Ducale

DSC 0098 m low

Leggi tutto...
12/02/21

UN BUSTO DEL PRIMO CINQUECENTO

Cominciano ad essere numerose le recenti acquisizioni che vanno a incrementare le già cospicue collezioni di Palazzo Ducale di Mantova. Un ulteriore tassello è arrivato proprio questo lunedì: si tratta del busto eseguito dallo scultore Bernardino Germani, artista attivo nella prima metà del Cinquecento a Mantova, recentemente acquistato in prelazione dalla Direzione Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio e consegnato al museo della reggia gonzaghesca. L’opera, eseguita nel 1522, ritrae il frate carmelitano Battista Spagnoli, noto anche come «Christianus Maro» (il Virgilio cristiano) o «Termassimo» (tre volte massimo). Egli fu figura di notevole prestigio nei decenni a cavallo tra XV e XVI secolo e nel 1885 fu beatificato da papa Leone XIII. Secondo alcune fonti, oltre ad essere un abile scultore, il carmelitano fu anche pittore, scrittore e poeta. La sua fama internazionale ci è attestata dal alcune citazioni, su tutte quella di William Shakespeare (“Ah! Good old Mantuan” in Love’s Labour’s Lost).

Il “Termassimo” era dunque una personalità di spicco della sua epoca, come testimoniano le sue varie effigi che ad oggi conosciamo. La più prestigiosa è il busto in bronzo berlinese, pubblicato nell’Ottocento come possibile opera di Gian Marco Cavalli, a lungo creduto perduto ma da poco riemerso presso il Museo Pushkin di San Pietroburgo. Altre due sue raffigurazioni scultoree sono conservate presso il Museo di Palazzo San Sebastiano di Mantova. Apparteneva alla collezione Gianluigi Arcari la statua attualmente acquistata dalla Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio del MiBACT e consegnata a Palazzo Ducale di Mantova per arricchirne la collezione.

L’autore dell’opera, Bernardino Germani, è nome ignoto agli studi anteriori al 1999, se non per una menzione di Antonino Bertolotti. Il profilo biografico dell’artista è stato ampiamente ricostruito dallo studioso Guido Rebecchini e oggi possiamo assegnare all’artista una serie di opere. Oltre al busto in esame, il Germani eseguì il sepolcro marmoreo di Francesco Carloni, nel santuario delle Grazie di Curtatone (realizzato nel 1525), il monumento funebre di Pietro Strozzi, già in San Domenico e ora in Sant’Andrea nella cappella Petrozzani, disegnato da Giulio Romano, i tre “Genietti marziali” nella collezione del Ducale (inv. Gen. 11581-11583), tratti dall’antico e collegati al collezionismo del cardinale Sigismondo Gonzaga. A Germani spetta inoltre l’epigrafe del monumento funebre di Francesco Palazzi, del 1551, già in Santa Maria della Vittoria e ora nei depositi del Museo di Palazzo Ducale (inv. 11354).

All’epoca dell’esecuzione del busto dello Spagnoli, Germani abitava a Mantova e tra gli anni Trenta e Quaranta egli si attestò come uno dei più quotati scultori in città. Eseguì come abbiamo visto anche opere su progetto di Giulio Romano. Lavorò per la committenza del cardinal Sigismondo Gonzaga e dei duchi di Mantova, oltre che per l’élite mantovana dell’epoca.

Il busto verrà presto esposto al piano terra del Castello di San Giorgio all’interno di una piccola mostra dedicata alle recenti acquisizioni del museo di Palazzo Ducale, la cui apertura è prevista per il 17 febbraio.

DSC 0071 m low

Leggi tutto...
09/02/21

Oltre tremila volte grazie!

Siamo molto felici di riscontrare ancora una volta il grande affetto e interesse da parte dei cittadini per Palazzo Ducale. Nei primi giorni di riapertura - a seguito dell'ingresso della Lombardia in "zona gialla" - i visitatori che hanno scelto di visitare la reggia gonzaghesca sono stati ben più numerosi di quanto ci aspettassimo. Sono bastati soli quattro giorni di riapertura per tagliare quota 1.000 visitatori. L'intero periodo di gratuità invece si è chiuso a quota 3.346: un esito incoraggiante e una calorosa dimostrazione di affetto da parte di tutti i mantovani, i cittadini del territorio e quelli della regione Lombardia.

Di seguito i numeri:

Mercoledì 3 febbraio: 254
Giovedì 4 febbraio: 297
Venerdì 5 febbraio: 378
Lunedì 8 febbraio: 162 (apertura nella sola mattina)
Martedì 9 febbraio: 494
Mercoledì 10 febbraio: 330
Giovedì 11 febbraio: 712
Venerdì 12 febbraio: 719

Totale dei visitatori durante il periodo di gratuità:
3.346

Nonostate da questa settimana si ricominci a pagare il consueto biglietto d'ingresso per il Palazzo, i visitatori continuano ad affluire numerosi, come testimonia questa foto effettuata lunedì 15 febbraio alle ore 11.

15 02 2021 01

Leggi tutto...
09/02/21

Tornano le visite guidate!

Informiamo che il servizio di visite guidate per il percorso di museale di Palazzo Ducale riprende con il seguente calendario:

Giovedì 11 febbraio ore 16.50
Venerdì 12 febbraio ore 16.50
Giovedì 18 febbraio ore 16.50
Giovedì 25 febbraio ore 16.50
Giovedì 3 marzo ore 16.50

Il costo della visita è di € 6. Vi ricordiamo che fino a venerdì 12 febbraio l'ingresso a Palazzo Ducale e Museo Archeologico Nazionale è gratuito e non è possibile prenotare. Dalla settimana successiva sarà possibile invece prenotare il biglietto d'ingresso sulla piattaforma Vivaticket. È possibile acquistare il servizio solo in giornata recandosi - già muniti del regolare biglietto d'ingresso al museo per tale fascia oraria - nelle immediate adiacenze dell'ingresso in piazza Castello sotto i portici dell'esedra. La durata della visita si aggira tra i 60 e i 90 minuti.

Leggi tutto...

CercaInformazioni disabiliCalendarioBiglietti